Logo San Marino RTV

La Consulta per l'Informazione di San Marino incontra l'Ordine dei Giornalisti italiano

5 nov 2019
La Consulta per l'Informazione di San Marino incontra l'Ordine dei Giornalisti italiano

Una delegazione del Consiglio Direttivo della Consulta per l'Informazione, guidata dal presidente Roberto Chiesa, ha incontrato oggi (martedì 5 novembre), nella sede di Roma, il presidente nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, accompagnato da una propria delegazione. L'incontro, oltre a consoidare i già ottimi rapporti tra l'Ordine e la Consulta, ha posto le basi per una fattiva collaborazione presente e futura. In particolare sono stati affrontati i temi relativi alle modifiche non più riviabili alla legge sammarinese sull'informazione, che presenta punti di criticità ormai noti ma ancora irrisolti, a partire dalla nomina politica dell'autorità garante per l'informazione, fino alla commistione di giornalisti ed editori all'interno della Consulta. Temi sui quali, in occasione delle imminenti elezioni, il Direttivo della Consulta ha intenzione di chiedere impegni specifici alle forze politiche candidate. Particolare rilievo e reciproca disponibilità di collaborazione si è riscontrata sul tema del contrasto alle fake news e sul progetto che, su impulso delle Istituzioni di San Marino, la Repubblica sta portando avanti sul terreno dell'alta formazione e del coinvolgimento delle scuole. Le delegazione dell'Ordine ha epsresso piena disponibilità a collaborare con la Consulta, anche in vista dell'eventuale istituzione di un osservatorio permanente sulle fake news. Altri temi oggetto di confronto hanno riguardato il rapporto tra diritto di cronaca, privacy e diritto all'oblio e gli ambiti di avviamento alla professione, mutuo ricnoscimento e previdenza, legati all'attività giornalistica. Consulta e Ordine hanno infine convenuto di dare vita a un tavolo misto di lavoro per la trattazione delle tematiche di comune interesse, con l'impegno di ritrovarsi a breve per dare concreta operatività agli obiettivi condivisi.

Comunicato stampa
Il Consiglio direttivo della Consulta per l'informazione