Logo San Marino RTV

Oms e Cina

8 giu 2020
Oms e Cina

L’attuale Board dell’OMS è in chiara difficoltà per le critiche piovute dall’Amministrazione americana e da numerosi altri Paesi per la gestione della pandemia e per la subordinazione dimostrata nei confronti della Cina. Tutto il mondo chiede alla Cina che accetti una delegazione di esperti indipendenti che faccia origine sull’origine della pandemia e sull’inizio dell’epidemia da Covid-19 in Cina. L’OMS cerca ora di smarcarsi dalla Cina facendoci credere che le sperticate lodi sulla “trasparenza della Cina” siano state una mossa tattica, ma che in realtà l’OMS criticava in privato la Cina. l’OMS ritiene che la sfiducia di Trump sia seguita da altri stati. Ha paura. Sta di fatto che la delegazione OMS si recò in Cina solo nella seconda metà del mese di febbraio, e il rapporto che stilò fu un elogio sperticato della gestione cinese della pandemia. Mai una critica nel corso di questi 5 mesi. Ora essendo insostenibile la posizione cinese, attraverso l’Associate Press”, l’OMS o meglio questa dirigenza OMS prova a salvarsi dal naufragio. Restiamo dunque in attesa di conoscere i video, gli audio, gli scritti di cui parla l’Associate Press e soprattutto di sapere perché l’OMS non ha mai denunciato pubblicamente il ritardo della Cina nel riportare l’epidemia all’OMS e perché solo il 30 gennaio 2020 l’OMS dichiarò lo Stato di Emergenza Internazionale, quando addirittura alcuni giorni prima aveva dichiarato che non sussistevano le condizioni per dichiararla. Se la Cina ci ha comunicato il genoma del coronavirus è stato perché uno scienziato Zhang Yong Zhen decise di pubblicarlo sul sito del suo laboratorio che venne poi chiuso dalle autorità cinesi. Se la Cina si era rifiutata di ricevere la delegazione OMS subito la segnalazione dell’epidemia all’OMS ( il 31 dicembre 2019) perché non denunciarlo pubblicamente ? E perché tessere le lodi della gestione della pandemia al ritorno del viaggio in Cina della delegazione OMS nella seconda metà di febbraio? Perché l’OMS non ha MAI posto la condizione di Travel Restriction, di blocco di tutti i viaggi da e per la Cina, cosa che avrebbe dovuto fare in gennaio? Perché non ha capito che i viaggi internazionali avrebbero diffuso nel mondo quella epidemia facendola diventare pandemia, trattandosi di un’infezione trasmessa per via respiratoria ? Il blocco dei finanziamenti americani all’OMS rappresenta un problema non di poco conto, non tanto per la perdita del maggior contributore all’OMS, ma soprattutto perché altri paesi potrebbero seguire quell’esempio e perché l’OMS non avrebbe senso se non rappresentasse più gli interessi degli stati Membri. Il Direttore OMS, Tedros Gebrayeus, cerca di supplire a questa perdita economica attraverso la creazione di una Fondazione OMS, comunicata alla stampa mercoledì 27 maggio scorso. Si tratterebbe però di8 una Fondazione OMS, INDIPEDENTE dall’OMS stessa, diretta da un Board con a cappono svizzero di Nome Zeltner che nel corso della suddetta conferenza stampa ha comunicato che solo il 70% delle donazioni che riceverà verranno versate all’OMS mentre gli altri fondi rimarranno a disposizione della Fondazione. Per ragioni di trasparenza sarebbe opportuno che si facesse luce su questa Fondazione. Il DG dice che i soldi che arriveranno da questa fondazione saranno di “Better Quality” rispetto a quelli di Trump? Che vuol dire? In un momento così critico quale è quello che l’umanità sta vivendo per la pandemia da Covid-19, è più che mai importante che vi sia una leadership sanitaria internazionale ed in questo momento la leadership che sta guidando l’OMS non lo è. Gli Stati, incluso quello Italiano, ne devono prendere atto e sfiduciare l’attuale DG, Tedros Gebrayesus.

Dr Walter Pasini Già Direttore Centro Collaboratore OMS per la Travel Medicine