Logo San Marino RTV

One Gallery Outlet: Massimo sforzo per fare chiarezza sul futuro dei dipendenti

17 nov 2016
Usl
Usl
La giornata di ieri ha visto un contributo fondamentale da parte della nostra organizzazione all’interno della vicenda relativa agli stipendi del One Gallery Outlet. Oltre aver dato massimo sostegno ai dipendenti che hanno deciso di incrociare le braccia, considerati i ritardi nel pagamento degli stipendi, grazie ad un confronto serrato con la Direzione avviato esclusivamente dal nostro sindacato USL, con il sostegno di alcuni dipendenti in rappresentanza dei colleghi, è stato possibile ottenere già un acconto nella giornata di ieri e avere garanzie circa l’erogazione di un ulteriore tranche entro domani (venerdì 18 novembre). La decisione è stata presa in comune accordo con la maggioranza dei lavoratori presenti che hanno dimostrato, per l’ennesima volta, un forte senso di responsabilità. Qualora la ditta dovesse venir meno all’impegno preso, USL continuerà a sostenere i diritti dei dipendenti. Al di là del numero dei lavoratori iscritti o meno ai diversi sindacati, ci siamo concentrati su quale fosse il miglior risultato ottenibile per salvaguardare tutti i dipendenti e fare chiarezza sullo stato della situazione. Abbiamo appurato infatti, mediante verifiche con gli uffici preposti, che la questione abitabilità sollevata anche sulla stampa, possa essere risolta in tempi ragionevoli qualora la proprietà dell’immobile termini gli adempimenti necessari per la formalizzazione di tale pratica. Quindi, auspicando ciò, poiché a questo aspetto è subordinata anche la licenza d’esercizio, ci aspettiamo che non appena risolta questa problematica, il One Gallery Outlet implementi l’operatività al fine di garantire prosperità nel tempo e assicurare i posti di lavoro ai circa 70 dipendenti, erogando gli stipendi nei tempi previsti per legge. Riteniamo che tutte le parti chiamate in causa debbano compiere il massimo sforzo per garantire la piena operatività dell’attività e serenità ai dipendenti e alle relative famiglie.

Federazione Servizi e Commercio