Logo San Marino RTV

"La Polizia di Stato con le donne"

5 mar 2016
"La Polizia di Stato con le donne"
In data odierna, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 si è svolto presso l’Istituto Professionale per il Commercio “Luigi Enaudi” si è tenuta la conferenza dal titolo “La Polizia di Stato con le donne”, L’iniziativa è stata stimolata dal Ministero dell’interno, in occasione della campagna di informazione e sensibilizzazione per la Giornata Internazionale della donna.
All’evento hanno partecipato circa duecento studenti, insegnanti e donne in divisa della Specialità della Polizia di Stato, Polizia Ferroviaria, Polizia Stradale e Polizia di Frontiera, Guardia di Finanza, e Polizia Municipale.
E’ stata messo in evidenza l’impegno profuso dalle donne della Polizia di Stato per la salvaguardia delle fasce più soggetto a rischio di vittimizzazione per reati di maltrattamenti e stalking.
Hanno partecipato all’iniziativa autorevoli esponenti istituzionali e privati, operanti nel territorio con i quali si è costituita la rete antiviolenza della provincia:
- Regione Emilia-Romagna: Consigliere Regionale Nadia Rossi;
- Consigliere per le Pari Opportunità della Provincia di Rimini: Giovanna Zoffoli;
- Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rimini: Sost. Procuratore D.ssa Paola Bonetti;
- Centro Antiviolenza “Rompi il Silenzio” di Rimini: Presidente Paola Gualano, Vice Presidente Elvira Ariano.
- Polizia di Stato: Dirigente della Divisione Anticrimine di questo Ufficio, D.ssa Enrica Bonini, coadiuvata dall’Isp.Sup. SUPS della Polizia di Stato Lucia Mantuano e dall’Ass.C. della Polizia di Stato Margherita Buttarelli.
I lavori di apertura di apertura sono stati presenziati dal Sig. Questore di Rimini Maurizio Improta e dal Sig. Prefetto di Rimini D.ssa Giuseppa Strano.
In particolare la Dott.ssa Bonetti ha trattato la parte giuridica relativa agli atti persecutori soffermandosi sugli elementi essenziali del fatto reato, facendo riferimento anche Ad alcuni casi concreti avvenuti nella provincia di RIMINI.-
I consiglieri regionali e provinciali Nadia Rossi e Giovanna Zoffoli hanno ribadito l’impegno delle istituzioni, che da tempo sono impegnate sul territorio mediante la realizzazione delle “rete” fra i soggetti interessati ovvero Provincia, Comune, Forze dell’Ordine, centri antiviolenza, autorità giudiziaria , enfatizzando i risultati conseguiti e dichiarando che proseguiranno negli sforzi per rendere ancora più efficace la comunicazione fra i soggetti interessati.-
Le poliziotte presenti, in particolare quelle che operano nei settori specializzati, hanno evidenziato i metodi di approccio da adottare nei confronti della vittima quando si reca in Questura per presentare la denuncia per maltrattamenti o violenza.-
Non basta competenza e conoscenza delle norme per fare emergere le violenze all’interno delle mura domestiche, occorrono anche doti personali particolari dal punto di vista psicologico come la sensibilità e la capacità di mettere a proprio agio le persone che giungono in uno stato psicologico precario presso gli uffici di Polizia.-