Logo San Marino RTV

Prima i Sammarinesi: "Il Giudice Buriani compra un immobile (appartamento e garage) da un inquisito del Conto Mazzini prima del rinvio a giudizio! In altri paesi sarebbe già fuori dalla magistratura"

9 lug 2019
Prima i Sammarinesi: "Il Giudice Buriani compra un immobile (appartamento e garage) da un inquisito del Conto Mazzini prima del rinvio a giudizio! In altri paesi sarebbe già fuori dalla magistratura"

Quello che abbiamo letto dal sito di informazioni sammarinese Giornale.sm questo pomeriggio ci ha letteralmente lasciati esterrefatti. Siamo venuti a conoscenza, dopo aver chiesto copia del rogito all'estensore dell'articolo, che il giudice Alberto Buriani, cioè il principale alfiere dell'azione della magistratura contro la corruzione politico affaristica degli ultimi anni concretizzatasi poi nel CONTO MAZZINI e con le sue pesanti condanne, ha comprato un immobile (appartamento e garage)- vedremo poi nei prossimi giorni se l0 ha pagato o meno - da quello che sarà un indagato proprio del CONTO MAZZINI, l'architetto Luigi Moretti, nel 2013 cioè nel periodo in cui lui era il giudice inquirente dello stesso Moretti. Moretti già dal 2011 era attenzionato dalla Magistratura e Buriani lo conosceva bene. Specifichiamo: lo ha comprato da una finanziaria, la Fin Leasing, di cui lo stesso inquisito del Conto Mazzini, Moretti, ha quasi il 25%. Ma c'è di più il 50% di tale finanziaria è di proprietà dell'immancabile patron del Cis, l'onnipresente ingegnere Marino Grandoni, che sembrerebbe - secondo la stampa - amico fraterno dello stesso giudice bolognese. Ci domandiamo se in altri paesi, Italia compresa, un giudice possa rimanere al suo posto dopo quello che è stato scoperto. Non crediamo che ciò possa succedere anche perché cosa sappiamo se ci sia stato o meno uno scambio di favori tra lo stesso giudice Alberto Buriani, Marino Grandoni e l'inquisito Luigi Moretti? La magistratura, quella buona, non può esimersi dall'aprire un fascicolo penale, in via preventiva, contro lo stesso Buriani e gli altri due e sospendere lo stesso giudice dalle sue funzioni sino a che non si sia fatta chiarezza: ne va del prestigio di San Marino e di tutta la magistratura sammarinese. Siamo per vederci chiaro sul tanto discusso giudice Alberto Buriani, sul suo operato e su questo gravissimo fatto specifico. Il momento storico e la cittadinanza lo impone! PRIMA I SAMMARINESI - movimento politico


Comunicato stampa
Prima i Sammarinesi - movimento politico