Logo San Marino RTV

Promemoria per i miei figli. Memorie dal bombardamento

24 gen 2017
Promemoria per i miei figli. Memorie dal bombardamento
Giovedì 26 gennaio alle ore 21, al Teatro Titano, in occasione delle celebrazioni per la Giornata Internazionale della Memoria per le vittime dell’Olocausto", gli Istituti Culturali proporranno nell’ambito della Stagione Teatrale 2016/2017 di San Marino Teatro, “Promemoria per i miei figli – memorie dal bombardamento”, azione scenica tratta dal diario che Rosalia Borbiconi Busignani, scrisse e lasciò in testimonianza ai suoi figli nell’occasione del bombardamento del 1944.
Lo spettacolo che era già stato rappresentato presso l’Ara dei Volontari, il 27 giugno scorso, nell’occasione del settantaduesimo anniversario dell’incursione area, ottenendo una straordinaria partecipazione di pubblico, verrà poi replicato in matinée per gli studenti delle Scuole Superiori, venerdì 27 gennaio, dopo espressa richiesta delle Scuole stesse.

Rosalia Borbiconi, figlia del Professor Marino Borbiconi uomo di scienze e grande personalità, sposata con Aldo Busignani, madre di 4 figli e in attesa della quinta, nel momento dello sgancio delle prime bombe era alla finestra che da casa sua in contrada Omerelli volge verso gli Apennini.
Il racconto prende inizio appunto dal momento delle esplosioni e racconta la fuga, con il marito, i bambini, la mamma anziana, attraverso le campagne per cercare rifugio verso il confine ovest, a Chiesanuova.
Ricco di contestualizzazioni storiche e riferimenti, che sapientemente e con ottima forma fissò su carta, è un racconto avvincente e personale che diventa oggi paradigma e monito; una storia “piccola”e familiare elevata a storia collettiva, memoria di un tempo in cui eravamo noi a cercare scampo fuggendo dall’ incedere impietoso della tragedia umana.

Elena Ferrari e Mariano Arenella con il contributo di Emanuele Mussoni (chitarra e scelte musicali) porteranno in scena le parole del diario, nell’azione teatrale prodotta espressamente da San Marino Teatro; Il testo originario si avvarrà di inserimenti creati dal direttore degli Istituti Paolo Rondelli che ne ha curato i testi storici e la regia.
Un appuntamento imperdibile per chi ancora ricorda. Nella giornata della Memoria, in cui il ricordo diventa monito imprescindibile, per tutti coloro che credono che il futuro non possa esistere senza la conoscenza del passato.

L’ingresso allo spettacolo è gratuito.