Logo San Marino RTV

Repubblica Futura sui 100 milioni della Bce a San Marino

18 ago 2020
Repubblica Futura sui 100 milioni della Bce a San Marino

Repubblica Futura saluta con favore la notizia, riportata oggi da alcune testate giornalistiche locali, che il Consiglio Direttivo della BCE ha accolto la richiesta avanzata da BCSM di beneficiare di una linea di liquidità precauzionale a supporto delle istituzioni finanziarie sammarinesi, in presenza di possibili disfunzioni del mercato dovute al periodo emergenziale da Covid-19. Leggendo tuttavia il comunicato sul sito della Bce (reperibile qui https://www.ecb.europa.eu/press/pr/date/2020/html/ecb.pr200818_1~46f5b14600.en.html) si possono evincere (al di là delle trionfalistiche dichiarazioni locali) le caratteristiche di questa linea di liquidità: 1. si tratta di operazioni cosiddette di “Repo”: tradotto, il prestito arriva solo se c'è un'adeguata garanzia (vale a dire titoli di Bcsm "accettabili" per la BCE). Queste garanzie, peraltro, ragionevolmente dovrebbero esserci, viste le tipologie di investimenti solitamente molto prudenziali di Bcsm; 2. questi “Repo” possono essere effettuati fino al Giugno 2021 (salvo estensioni) e fino ad un valore di 100 milioni di euro, ma ogni prestito, se concesso, va restituito entro massimo 3 mesi! In altre parole: o il sistema finanziario è in grado di restituire questi prestiti in brevissimo tempo oppure Bcsm non sarà in grado di onorare il pagamento e la BCE si terrà le garanzie (e quindi Bcsm ridurrà il suo monte titoli e le sue entrate); 3. i prestiti servono solo per eventuali tensioni di liquidità delle banche ed in generale del sistema finanziario, ma non possono finanziare lo Stato; in più, possono finanziare tensioni di liquidità di brevissimo periodo (proprio in ragione del fatto che vanno restituiti rapidamente), non certo problemi di liquidità strutturali eventualmente esistenti; 4. San Marino non è l’unica beneficiaria di questa operazione da parte della Bce che, evidentemente, ha deciso di aprire linee di credito con vari paesi non facenti parte dell’UE o dell’area Euro, di importi diversi e per tempistiche diverse ma dalle caratteristiche simili. Come si può evincere qua https://www.ecb.europa.eu/home/search/html/repo_lines.en.html, pima di noi sono state finanziate Nord Macedonia (fino a 400 milioni), Ungheria (fino a 4 miliardi), Serbia (fino a 1 miliardo), Albania (fino a 400 milioni) e Romania (fino a 4,5 miliardi). Ben venga quindi questa opportunità in più, che prima mancava ma che comunque ci vede ultimi di una serie di altri paesi ad avere beneficiato di questa linea di credito dalla Bce. Speriamo che questa liquidità in arrivo sia usata con intelligenza, in ragione del fatto che, una volta concessa, va appunto restituita in tempi molto brevi, e non magari per foraggiare qualche “grande elettore” bisognoso di aiuto.


Comunicato stampa

Repubblica futura