Logo San Marino RTV

La Segreteria Industria replica a Osla

17 mag 2018
La Segreteria Industria replica a Osla
Desideriamo replicare ancora una volta al comunicato di Osla, questa volta facendo notare una cosa curiosa.

E cioè che se il Governo non si confronta con le rappresentanze sociali, viene accusato di volere tirare dritto, imporre la sua volontà, non ascoltare i suggerimenti degli operatori; viceversa, se il Governo spinge per avere tutti gli attori al tavolo e ragionare con loro sul futuro, allora viene accusato di subire ricatti, di chiudere gli occhi e di non fare il proprio dovere.

Chiunque comprenderà che così è un po’ complicato approcciarsi con le parti sociali e datoriali. Perché qualunque cosa si faccia, non va bene.

Noi, molto semplicemente, crediamo che nel momento in cui si va a rivedere una legge come quella sul commercio, che è datata, per ragionare su come renderla adatta a rispondere alle mutate esigenze del settore, sia importante che lo si possa fare col massimo confronto con chi sta tutti i giorni sul campo, con chi rappresenta gli operatori: cioè le associazioni di categoria che si occupano di commercio.

Se non altro perché è impensabile credere che il Governo abbia da solo tutte le risposte ai problemi. Se non altro perché tutti capiscono che dal ragionamento con chi opera sul campo possono arrivare proposte e suggerimenti efficaci.

Questo non significa poi dover essere d’accordo su tutte le soluzioni che verranno adottate (come già avvenuto per la recente liberalizzazione del commercio, su cui qualcuno ha mostrato diversità di vedute), ma significa essere tutti assieme presenti a condividere la necessità di un intervento e a sviluppare idee e progetti concreti.

Quindi prendiamo atto del comunicato odierno di Osla, ma dal canto nostro continueremo a lavorare per poter affrontare tutti assieme allo stesso tavolo, Governo e operatori del settore, questa delicata e importante riforma.

Comunicato stampa
Segreteria di Stato Industria