Logo San Marino RTV

La Sezione di San Marino dell’International Police Association (IPA) riapre la propria Casa

6 ago 2017
La Sezione di San Marino dell’International Police Association (IPA) riapre la propria Casa
Alla presenza degli Ecc.mi Capitani Sua Eccellenza Mimma Zavoli e Sua Eccellenza Vanessa D’Ambrosio, del Segretario di Stato Franco Santi e del Segretario Generale della Sezione IPA italiana Laura Giacomini, è stata ufficialmente riaperta la Casa IPA di Montecerreto.

Da tempo si avvertiva l’esigenza, non più differibile, che la struttura venisse resa adeguata e funzionale, che permettesse cioè una maggior sicurezza nello svolgimento delle varie attività. L’opera di rinnovazione pressoché terminata, ha visto il rifacimento e la bonifica di alcune pareti, parte del tetto, di messa a norma degli impianti, interventi per l’accessibilità, ma anche di riammodernamento dei servizi igienici e di pulizia.

Nel corso della serata sono state consegnate le tessere associative ai giovani allievi recentemente entrati in servizio all’interno dei Corpi (Polizia Civile, Gendarmeria e Guardie di Rocca) e una targa ricordo ai Soci fondatori.

San Marino è membro effettivo dell’International Police Association (IPA) dal 1973, l’impegno della Sezione sammarinese è stato da sempre legato alla cooperazione ed allo sviluppo dei rapporti di amicizia tra le diverse Sezioni, favorendo lo scambio di esperienze sociali, culturali e professionali, ha sempre ottemperato a dette finalità sin dalla sua fondazione ed oltre a partecipare agli incontri internazionali facendo conoscere all’estero, storia, tradizioni ed i servizi uniformati del nostro Stato, ha organizzato iniziative sul territorio sammarinese, ha accolto ogni anno diversi colleghi in visita al nostro Paese, provenienti da Sezioni oltre confine…e ha gestito per oltre 40 anni la sua “Casa IPA”.

L’IPA oggi è presente in tutti i 5 Continenti, conta 68 Paesi Membri e con oltre 500.000 soci è l’Organizzazione non governativa più grande al mondo.
Gli Organismi e le Agenzie delle più grandi Istituzioni Internazionali come il Consiglio Economico e Sociale dell’O.N.U., l’UNESCO, ma anche il Consiglio d’Europa l’hanno riconosciuta quale loro Organo Consultivo. Essa si propone, infatti, non solo di diffondere i contenuti della Dichiarazione Universale sui Diritti Umani, ma mette a disposizione il suo ricco patrimonio di specifiche conoscenze e competenze su determinati argomenti. Peraltro, attraverso il suo Centro Studi e di Formazione di Gimborn in Germania, l’IPA organizza numerosi seminari di carattere prettamente professionale su varie tematiche inerenti le attività di polizia a cui sono sempre invitati tutti i soci.

Far parte dell’IPA significa divenire portatori di un’idea secondo la quale lo scambio di relazioni e esperienze di tipo personale, sociale e culturale tra appartenenti alle diverse forze di polizia rende migliori i rapporti e la stessa professionalità. Relazioni tra appartenenti cioè, calate in una dimensione dove la socialità e l’amicizia sono viste come contesti che più di altri, incidono positivamente nella promozione dei principi della legalità, della pace e della democrazia. Un valore aggiunto insomma, all’essere già persone preparate e formate per affermare, anche con la forza se necessario, quegli stessi principi.

“Servo per Amikeco” (in esperanto Servire attraverso l’Amicizia) è il motto dell’IPA.
L’Amicizia è il valore che contraddistingue da sempre le attività dell’IPA, perché è un sentimento attraverso il quale si trova la capacità di rafforzare quel legame invisibile che unisce gli appartenenti alle forze dell’ordine e la società in cui viviamo, ed è la direttrice sulla quale camminano le numerosissime attività che promuove e realizza a livello sociale, culturale sportivo e professionale in tutto il mondo.

Questa è la vera natura ed essenza di essere socio IPA: la condivisione di tutto questo.

Il Comitato Esecutivo Nazionale, composto da Mirko Tomassoni, Sabrina Paoletti, Davide Ghiotti, Valter Bartolini, Renè Rosti, Nathalie Galbucci, Guerra Peter Marino, Giuseppe Vaglio, Orazio Gualtieri e Maurizio Taddei ringrazia sentitamente tutti i soci e tutti coloro che hanno collaborato a vario titolo alla realizzazione di tutto questo.

Comunicato stampa