Logo San Marino RTV

Strade e tecnologie green, nuovo accordo fra Università di San Marino e AASLP: nasce il Centro di ricerca sulle infrastrutture viarie

Oggi la firma del nuovo protocollo d'intesa: “Innalzamento dello standard conoscitivo e tecnico”

9 set 2020
Strade e tecnologie green, nuovo accordo fra Università di San Marino e AASLP: nasce il Centro di ricerca sulle infrastrutture viarie

Un progetto sperimentale per il monitoraggio degli asfalti ‘green’ realizzati sul Titano e la creazione di un nuovo Centro di ricerca per la gestione e progettazione delle infrastrutture viarie sono fra le principali novità introdotte dal nuovo protocollo d’intesa fra l’Azienda Autonoma di Stato per i Lavori Pubblici (AASLP) e l’Università degli Studi della Repubblica di San Marino. Firmato oggi, mercoledì 9 settembre, dal Rettore dell’Ateneo, Corrado Petrocelli, e dal presidente AASLP, Federico Bartoletti, il documento dà nuovo impulso a una collaborazione che dal 2016 a oggi ha portato all’aggiornamento di documenti di progetto come i regolamenti tecnici, alla definizione di software utili all’identificazione delle priorità negli interventi di manutenzione stradale su base oggettiva, all’applicazione di tecniche eco-sostenibili e al controllo qualità sistematico delle nuove opere. Proprio queste attività sono state approfondite in tre manuali tecnici sulla manutenzione stradale rivolti alle amministrazioni pubbliche di tutta la penisola, nonché su riviste scientifiche e in seminari di livello internazionale. Il “Centro di ricerca e didattica Ermes (Efficient Road Management and Eco-sustainable Solutions) per la gestione e la progettazione di infrastrutture viarie”, che rientrerà fra le attività del corso di laurea in Ingegneria Civile dell’Ateneo sammarinese, metterà a servizio delle Aziende Autonome e degli Uffici pubblici di San Marino “attività di ricerca, didattica e supporto alla gestione, progettazione e controllo qualità”, si legge nel documento. Fra i 12 obiettivi citati nello statuto della struttura compaiono inoltre le verifiche preliminari necessarie per la creazione di un “laboratorio utile a supportare e far convergere la didattica e la ricerca” dell’Ateneo, “le attività di controllo qualità e monitoraggio delle Aziende Autonome, la sperimentazione e la progettazione degli Uffici di Stato, nonché aprire e rafforzare relazioni con altre università, centri di ricerca ed enti attivi nel settore delle infrastrutture”. Fra i benefici: il costante aggiornamento del personale tecnico delle Aziende e degli Uffici di Stato rispetto alle innovazioni e allo sviluppo tecnologico che caratterizzano il settore. “Il rapporto fra Azienda e Università - afferma Matteo Casali, direttore AASLP - ha consentito alla nostra realtà di strutturare la razionalizzazione dei processi decisionali di carattere tecnico ed economico alle metodologie di intervento, conseguendo un importante innalzamento del proprio standard conoscitivo e tecnico in tema di costruzione e manutenzione delle pavimentazioni stradali”. Allo stesso tempo, spiega Petrocelli, “l’Università ha dato immediata applicazione tecnico operativa agli indirizzi di ricerca conseguendo una ulteriore significativa ricaduta sul territorio sammarinese della propria attività accademica. Questo accordo - prosegue il Rettore - conferma l’alto livello e il positivo impatto delle attività messe in campo dall’Ateneo insieme ad AASLP, rafforzando un legame già solido grazie alla creazione di un Centro di ricerca che saprà offrire ulteriori e nuove prospettive alle azioni e alle sperimentazioni che in questi anni hanno contraddistinto un percorso ricco di risultati e soddisfazioni”.