Logo San Marino RTV

“Tutte le bambine africane devono diventare donne e poter sognare”

7 ago 2017
“Tutte le bambine africane devono diventare donne e poter sognare”
Siamo lieti di invitarvi alla serata che aprirà ufficialmente Nott'Arte 2017: per la notte più magica dell'estate, non potevamo che progettare per voi una cena davvero speciale, nell'orto degli innamorati del centro storico, allestito per l'occasione da Mara Verbena.
Ecco il programma ufficiale:
Menù degustazione, servito con i migliori prodotti della Repubblica di San Marino, preparati per l'occasione dall'Antica Trattoria Jole
Presentazione del progetto solidale Dalla parte di Nice, con il contributo del giornalista Francesco Cavalli, direttore generale del network Icaro Communication, e letture dell'attrice Giorgia Penzo


Dalla parte di Nice è un progetto che nasce dall’idea di sette giornalisti che, insieme, hanno deciso di unirsi nel gruppo “HIC SUNT LEONES. L’Africa che non ti immagini”.
Hic Sunt Leones è un’espressione che viene associata alle carte geografiche antiche per indicare le zone ancora inesplorate dell’Africa. E loro si sono conosciuti proprio in Africa e scrivendo d’Africa. Da anni raccontano guerre, miseria, carestie, situazioni che si ripetono sistematicamente, come se la storia fosse un destino ineluttabile. Una storia fatta di potenti e piccoli padroni, dove l’umanità è esclusa, lasciata ai margini e che si organizza nel silenzio. “Siamo stanchi di raccontare ciò che non cambia –dichiarano- perché una bambina o una donna, in quei racconti non fa la differenza. Per noi si”.
Nice Nailantei Leng’ete è stata una bambina coraggiosa e ora è una donna masai di 24 anni, cresciuta in un villaggio rurale ai piedi del Kilimanjaro. Nata in una tribù di pastori, Nice ora è operatrice di Amref e si sta battendo per l’eliminazione delle FGM (cioè mutilazioni genitali femminili). Si è fatta promotrice dell’adozione di “riti di passaggio” alternativi per le ragazze masai.
Nott’Arte è dalla parte di Nice; essere dalla parte di Nice significa essere dalla parte di tutte quelle bambine, adolescenti e donne che lottano quotidianamente contro il potere maschile, contro le violenze della strada, della guerra, dalla parte di quelle che si ribellano a diventare spose da adolescenti, senza diritti, senza istruzione e senza futuro.
Il costo della cena è di €15, il ricavato sarà devoluto per sostenere questo importante progetto, contro lo sfruttamento del corpo delle donne africane.

* È gradita la prenotazione: 334-5211957

Comunicato stampa