Logo San Marino RTV

Caso Bcsm: iniziato il processo a Mario Giannini e Andrea Vivoli

4 dic 2015
Caso Bcsm: iniziato il processo per Mario Giannini e Andrea VivoliIniziato il processo a Mario Giannini e Andrea Vivoli di Banca Centrale
Iniziato il processo a Mario Giannini e Andrea Vivoli di Banca Centrale - Prima udienza questa mattina al Tribunale di San Marino per il processo in cui Mario Giannini, ex di...
Prima udienza questa mattina al Tribunale di San Marino per il processo in cui Mario Giannini, ex direttore di Banca Centrale, e Andrea Vivoli, ex funzionario della vigilanza Bcsm, sono imputati per aver omesso di segnalare all'Agenzia di Informazione Finanziaria un'operazione di trasferimento fondi

Al centro del procedimento i 6 miliardi di dollari che l'ungherese Gyorgiy Zoltan Matrai, presentato da Fiorenzo Stolfi e dall'allora segretario alle Finanze Claudio Felici – entrambi non indagati - voleva portare a San Marino mediante un'operazione finanziaria: prima l'apertura di un conto intestato a Banca Centrale presso la Banca del Giappone e poi il trasferimento in una banca sammarinese. Secondo il capo di imputazione l'ex direttore di Bcsm Mario Giannini e il funzionario Andrea Vivoli avrebbero omesso di segnalare all'Aif l'operazione ed abusato dell'ufficio di membro del coordinamento di Vigilanza di Banca Centrale. Nella prima udienza del processo il Commissario della Legge Roberto Battaglino ha ammesso la costituzione parte civile dell'Eccellentissima Camera e di Banca Centrale. Giannini e' difeso in aula dall'avvocato Gianna Burgagni, mentre i legali di Vivoli sono Gian Nicola Berti ed Ermanno Cappa, che in questa udienza era sostituito dalla figlia Stefania Cappa: i legali, contrari all'ammissione delle parti civili, fin dalle prime battute del processo, hanno sostenuto l'innocenza dei loro assistiti, anche perche' l'operazione da 6 miliardi di dollari non si e' mai realizzata.
Mario Giannini da mesi non e' piu' direttore di Bcsm, al contrario di Vivoli che tuttora e' dipendente dell'istituto. La prossima udienza del processo è stata fissata per il 21 marzo. Proprio oggi è stata resa pubblica la data – l'11 gennaio – in cui Giannini dovrà comparire in aula perchè imputato in un altro processo con Antonio Gumina, Sergio Gemma e Otello Carli, per interesse privato in atti d'ufficio: e' la vicenda del bonifico evaso da Banca Commerciale mentre, secondo gli inquirenti, era in pieno regime di blocco del sistema dei pagamenti.

l.s.