Logo San Marino RTV

I legali di Gatti ricorrono alle Nazioni Unite a Ginevra

14 lug 2016
Gabriele GattiI legali di Gatti ricorrono alle Nazioni Unite a Ginevra
I legali di Gatti ricorrono alle Nazioni Unite a Ginevra - Il giudice Emiliani depositerà entro settembre le motivazioni della sentenza di ieri
Finirà di fronte alle Nazioni Unite di Ginevra il ricorso dei legali di Gabriele Gatti, che ieri si sono visti respingere la terza istanza con la quale chiedevano la revoca delle limitazioni alla libertà del loro assistito, imposte al momento della scarcerazione. L'avvocato Filippo Cocco si è rivolto al Gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria delle Nazioni Unite contestando non solo i provvedimenti successivi alla scarcerazione, ma lo stesso arresto del suo assistito, a suo giudizio senza fondamento giuridico. Al Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra, Cocco, adombra anche che alla base di tutto ci sia, come ha dichiarato ieri lo stesso Gatti “una questione politica”. Secondo le procedure dell'organismo dell'Onu, il Governo di San Marino verrà convocato a Ginevra, entro 60 giorni, per presentare osservazioni ed eventuali commenti in merito.
In sostanza, come si evince dal ricorso in terza istanza, i legali dell'ex Segretario di Stato, contestano che a Gabriele Gatti venga impedito di recarsi all'estero, non per il pericolo di fuga ma per impedire che possa movimentare fondi esteri. Non condividono che, pur non essendo agli arresti domiciliari, gli sia vietato di ricevere visite e di comunicare con persone diverse dai familiari, anche se si fa eccezione in caso di eventuale accesso ai luoghi pubblici. Inoltre, non si capacitano per quel divieto di trattenersi in conversazioni che abbiano come oggetto la politica o le vicende processuali. Il giudice di terza istanza, Lamberto Emiliani, si è riservato di depositare le motivazioni della decisione assunta ieri, di rigettare cioè le richieste dei legali di Gabriele Gatti, annunciando che saranno presentate entro il 10 di settembre.
SB