Logo San Marino RTV

Gdf scopre 16 mln Iva evasa: fatture fasulle per oltre 80 milioni, capitali a San Marino

19 apr 2013
Gdf scopre 16 mln Iva evasa: fatture fasulle per oltre 80 milioni, capitali a San Marino
Gdf scopre 16 mln Iva evasa: fatture fasulle per oltre 80 milioni, capitali a San Marino
L'hanno battezzata operazione “Fil Rouge”, condotta dalla Procura di Forlì che da tempo indaga anche su San Marino. Evidenziati movimenti finanziari sospetti da parte di un imprenditore cesenate, Giorgio Manuzzi, esperto pilota offshore, le cui società sammarinesi erano già state perquisite lo scorso anno dai pm forlivesi, con l'accusa di false fatturazioni e evasione fraudolenta, nonostante il diretto interessato si sia sempre dichiarato estraneo. Secondo le nuove accuse l'industriale acquistava false prestazioni di sponsorizzazioni, per rally, moto Gp, ciclismo e motonautica, da una società sammarinese che a sua volta si avvaleva di società cartiere italiane per formare un corposo pacchetto di costi gonfiati, messi poi a disposizione dei clienti. Individuate 64 società utilizzatrici con sedi in Emilia-Romagna, Puglia, Lazio, Abruzzo, Toscana, Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli e Trentino. A fronte dei vari pagamenti di tutta questa attività, l'imprenditore provvedeva a versare contanti in istituti di credito sammarinesi, dal 2006 al 2010 sarebbero stati movimentati 24 milioni. Il denaro poi veniva reinvestito in attività patrimoniali di una immobiliare italiana, formalmente di proprietà di una fiduciaria sammarinese, ma di fatto sempre riconducibile all'imprenditore cesenate, che poi avrebbe fatto confluire il suo patrimonio in un trust apparente di diritto sammarinese, appositamente creato. Segnalate 6 persone alla magistratura, fatture false per 81 milioni, 16 milioni di Iva evasa, sequestrati beni e quote societarie per 4 milioni e mezzo. Scambiate rogatorie con San Marino, anzi secondo la Procura la collaborazione fornita è stata ampia, “nonostante fossero coinvolte influenti personalità della politica e di istituti bancari”.

Francesca Biliotti