Logo San Marino RTV

Le Ktm rubate al "Motorstore" in vendita su un sito internet ucraino

16 ago 2017
Sopralluogo della GendarmeriaLe Ktm rubate al "Motorstore" in vendita su un sito internet ucraino
Le Ktm rubate al "Motorstore" in vendita su un sito internet ucraino - Da ottobre, due furti e un tentato furto. La rabbia del titolare Roberto Corbelli:"Mi han detto che...
Proseguono le indagini dopo il furto sventato lunedì sera alla “Motorstore” di Galazzano. Alcune delle moto rubate ad ottobre 2016 nella stessa azienda sono state messe in vendita su un sito ucraino ma, ci ha rivelato il titolare,"non si può fare niente".

Da una parte il sollievo perchè l'ultimo tentato furto è stato sventato, dall'altra la rabbia perchè le moto rubate in passato sono state messe in vendita su un sito ucraino – già segnalato da riviste specializzate e media di livello nazionale italiano - e ciononostante gli è stato riferito che non ci si può fare niente. L'Ucraina non è nell'Interpol, neppure nell'Unione Europea, è uno stato destabilizzato dalla crisi con la Russia e le richieste di assistenza alle autorità di giustizia e di polizia di Kiev, si traducono in un buco nell'acqua. Roberto Corbelli, titolare della “Motorstore”, ha subito il furto di 21 moto, 16 ad ottobre 2016 e cinque a fine giugno. Alcune erano nuove, altre usate e l'assicurazione non ha coperto l'intero danno subito. “Non ci sentiamo sicuri – spiega – perchè per quanto le forze dell'ordine facciano del loro meglio, le regole d'ingaggio in caso di furto sono favorevoli ai criminali e non alla protezione dei beni delle persone oneste. La vicinanza al confine di stato – prosegue – aumenta la vulnerabilità e favorisce la fuga e se poi li prendono si fanno qualche giorno di galera, escono e tornano a delinquere. Io – conclude – è da mesi che dormo vestito e con le scarpe, pronto a correre in azienda nel cuore della notte, col terrore dell'ennesimo furto. Non si può vivere così”. Facendo una sommaria ricerca su internet si scopre che la pista ucraina trova altre conferme. A Genova, pochi mesi fa, arrestati 11 ucraini, ladri seriali di moto: 26 gli indagati, tra cui anche moldavi e romeni. I ladri che lunedì sera hanno fallito il colpo alla “Motorstore” erano quattro, più altri – non si sa quanti- che probabilmente facevano da palo. Quando si sono accorti che erano stati scoperti sono scappati a piedi nei campi. Sarebbero entrati dal confine di Galazzano verso le 21,30 con un furgone e un'auto – entrambi mezzi rubati – posizionati a poche centinaia di metri dalla “Motorstore”, di fronte alla carrozzeria Menicucci. Presto, non appena completati i rilievi della scientifica, verranno restituiti ai legittimi proprietari di Tavullia e Cesena.

l.s.