Logo San Marino RTV

E' morto l'On.le Massimo Vannucci, domenica il funerale

5 ott 2012
E' morto l'On.le Massimo Vannucci, domenica il funerale
E' morto l'On.le Massimo Vannucci, domenica il funerale
La malattia aveva solamente rallentato ma non fermato il suo impegno politico, solo nelle ultime settimane il dolore lo aveva costretto dapprima a casa e poi al ricovero all'ospedale di Urbino, dove è deceduto questa mattina, alle 11,30. 55 anni compiuti il 23 maggio scorso, l'onorevole Massimo Vannucci aveva iniziato a Macerata Feltria, sua città natale, la lunga carriera politica. Dapprima come consigliere comunale, poi assessore e infine come Sindaco, per 9 anni. Poi la politica nazionale, nel direttivo dei DS e poco dopo in Parlamento. A Montecitorio ci arriva nel 2006, e nel 2008 viene confermato portando avanti un impegno constante in favore di quei progetti che condivideva con fervore. Come quello del Parco Scientifico e Tecnologico di San Marino, che ha appoggiato fin dal primo accenno dell'idea. Massimo Vannucci era molto noto anche a San Marino, per il suo impegno in favore della Repubblica, che ha appoggiato con convinzione nei momenti difficili del dialogo con Roma. Sua l'iniziativa di istituire un gruppo di parlamentari amici di San Marino. Un coro di messaggi di cordoglio dai colleghi parlamentari, di tutti gli schieramenti. Lo hanno ricordato, tra gli altri, Giancarlo Mazzuca, Pierferdinando Casini, Maurizio Lupi, Dario Franceschini, il segretario del PD, Pierluigi Bersani e tantissimi altri, a livello locale e nazionale. Anche il Segretario di Stato agli Esteri, Antonella Mularoni, si è unita alle manifestazioni di afflizione, come pure i vertici del Partito dei Democratici e dei Socialisti, che ricordano la sua amicizia con la Repubblica e il suo ruolo nel favorire opportunità di dialogo politico. Dolore espresso anche dalle due confederazioni sindacali sammarinesi che sottolineano il suo impegno in favore dei frontalieri. La camera ardente è stata allestita al Teatro Angelo Battelli di Macerata Feltria. Le esequie si terranno domenica pomeriggio, alle 15, nella chiesa di San Francesco.

Sergio Barducci

Comunicato stampa Psd
Con dolore apprendiamo della prematura scomparsa dell’on. Massimo Vannucci (PD), amico sincero del PSD e della Repubblica di San Marino, promotore come parlamentare di diverse iniziative tese a ristabilire un nuovo e proficuo rapporto tra Italia e San Marino, protagonista di tante proposte verso i lavoratori frontalieri, oltre che promotore del Comitato Parlamentari amici di Sa Marino. Anche in quest’ultimo difficile periodo, segnato dalla malattia, Massimo Vannucci s’interessava alle problematiche sammarinesi con grande generosità e positività.
Con l’amico Massimo era piacevole e sempre stimolante confrontarsi sull’idealità del mondo della sinistra, sui grandi processi internazionali, su come interpretare le tematiche sociali nella complessità della contemporaneità in anni, quelli che viviamo, in cui la coesione sociale è fortemente a rischio.
Da parte del Partito dei Socialisti e dei Democratici le condoglianze più sentite alla famiglia, al Partito Democratico, agli amici e ai colleghi che hanno amato ed apprezzato il caro amico Massimo.

Il cordoglio di CSdL e CDLS per la morte di Massimo Vannucci, Deputato PD
Grande è stato il suo impegno per la causa dei lavoratori frontalieri occupati a San Marino
Venuti a conoscenza della prematura scomparsa dell’On.le Massimo Vannucci, parlamentare italiano del PD eletto nella regione Marche, la CSdL e la CDLS hanno espresso alla famiglia e al Partito Democratico il loro cordoglio.
I dirigenti delle Confederazioni sammarinesi negli ultimi anni hanno conosciuto e collaborato con l’On.le Vannucci nell’ambito dell’azione del Consiglio Sindacale Interregionale San Marino, Emilia Romagna e Marche, per la tutela dei diritti dei lavoratori frontalieri.
L’On.le Vannucci ha profuso un grande impegno a favore dei lavoratori italiani occupati a San Marino, assumendo diverse posizioni e iniziative per l’eliminazione dell’articolo 56, per la proroga della franchigia e per sollecitare il Parlamento italiano a varare una legge ordinaria che vada a regolamentare in maniera equa e strutturale la tassazione dei lavoratori frontalieri.
“Lo ricordiamo come un politico di grande umanità e sensibilità sociale - ha scritto il Segretario Generale CSdL Giuliano Tamagnini nel telegramma di cordoglio - che ha svolto i suoi incarichi istituzionali con forte passione civile e spirito di sacrificio, mettendo sempre al centro della sua azione la ricerca del bene comune e lo sviluppo della democrazia. Particolarmente significativo è stato il suo forte impegno per la tutela dei diritti dei lavoratori frontalieri occupati a San Marino, suscitando la stima e l’affetto di tante persone per le quali è stato un fondamentale punto di riferimento.”
“Il mio ricordo di Massimo - ha scritto Gian Luca Montanari, Segretario Generale Aggiunto CDLS e presidente del CSIR - non è solo legato alla sua figura di spicco in campo politico, ma per noi e i lavoratori come colui che assieme a suoi colleghi ha sostenuto la causa dei lavoratori frontalieri occupati a San Marino, assumendo diverse iniziative sia per la proroga della franchigia sia per dirimere la questione dell’art. 56. Ricordo ancora come ieri il suo caloroso e appassionante intervento nell’audizione nella Commissione Esteri a Montecitorio per sostenere la causa dei lavoratori frontalieri e per proporre una legge ordinaria tendente alla sua regolamentazione.”
Comunicato stampa CSU