Logo San Marino RTV

Omicidio Pesaro: emerge l'elemento droga, indagini proseguono

16 lug 2018
Zakaria SafriOmicidio Pesaro: emerge l'elemento droga, indagini proseguono
Omicidio Pesaro: emerge l'elemento droga, indagini proseguono - Nel servizio, le interviste a <strong>Silio Bozzi</strong>, dirigente Squadra Mobile Pesaro, e a <st...
Una conoscenza tra i due, un uso letale della violenza e gli stupefacenti. Sono tre degli elementi finora emersi dalle indagini sull'omicidio della 52enne pesarese Sabrina Malipiero, morta dopo essere stata accoltellata alla gola in casa sua. Saranno gli investigatori a stabilire il nesso preciso tra i diversi fattori. Le indagini sono ancora in corso, ma il responsabile ha già confessato, ieri. E' Zakaria Safri, 38enne marocchino con regolare permesso di soggiorno e con precedenti. Ma la sua ammissione non è arrivata subito.

Sabrina Malipiero era separata e madre di due figli, lavorava come commessa e conosceva Zakaria Safri. Un'uccisione per futili motivi, spiegano le autorità. Dopo l'omicidio, l'uomo è scappato a bordo dell'auto della 52enne che è stata poi ritrovata sempre a Pesaro.

C'è stata una "grande profusione di violenza contro la donna", durante una lite. Ma come si è arrivati a una furia del genere? A questo si dovrà ancora rispondere. Un fattore emerso è quello della droga sequestrata anche all'interno dell'appartamento della donna. Per altri elementi si attendono gli esami di medicina legale. Al momento, il delitto non è configurabile come femminicidio.

Mauro Torresi

Nel servizio, le interviste a Silio Bozzi, dirigente Squadra Mobile Pesaro, e a Cristina Tedeschini, procuratore Pesaro