Logo San Marino RTV

Riciclaggio Italia San Marino, indagato commercialista Franco Botteghi

28 nov 2018
operazione Easy BridgeRiciclaggio Italia san Marino, indagato commercialista Franco Botteghi
Riciclaggio Italia san Marino, indagato commercialista Franco Botteghi - Lo studio sammarinese replica "esclusivamente consulente, per entrambe le società coinvolte. Confidi...
La mente del complesso sistema di riciclaggio internazionale, secondo gli inquirenti, era Franco Botteghi, noto commercialista sammarinese indagato per riciclaggio internazionale insieme al suo collaboratore Marco Ferrarini. L'operazione della Guardia di Finanza si chiama Easy Bridge, ci riporta agli anni 2009-2012. Arrivò con una rogatoria a San Marino nel 2015 ed a conclusione delle indagini – anche grazie alla collaborazione delle Autorità del Titano - il gip ha disposto una serie di perquisizioni a carico di quattro persone: due gioiellieri di Ferrara e due professionisti sammarinesi, a cui oggi sono stati sequestrati sul Titano quote della società e conti correnti. Un maxi sequestro “per equivalente”, nel decreto, da 10 milioni di euro. Gli accertamenti hanno consentito di svelare il meccanismo, finalizzato a sostituire denaro contante con assegni emessi da persone che potrebbero essere addirittura inconsapevoli dello scopo, bypassando in tal modo i presidi previsti dalla normativa di prevenzione del riciclaggio. Le somme in assegni, versate su conti correnti sammarinesi, venivano poi messe in sicurezza attraverso il trasferimento da San Marino verso società con sede in Paesi offshore come Panama, Dubai, Emirati Arabi, Hong Kong.

Altre cinque persone, i cosiddetti 'collettori', 3 di origini campane e 2 siciliane, sono stati interessati dalle indagini, perché ritenuti responsabili di esercizio abusivo dell'attività finanziaria. Immediata la replica dello Studio sammarinese, che ha dichiarato di essere “esclusivamente consulente, per entrambe le società coinvolte”. E aggiunge: “Siamo a disposizione delle autorità, attendiamo lo svolgimento delle indagini e confidiamo, come sempre, nella giustizia”.

s.b