Logo San Marino RTV

Rimini, tre arresti a 'predoni' bancomat, spari degli agenti

10 lug 2016
Rimini, tre arresti a 'predoni' bancomat,  spari degli agenti
Rimini, tre arresti a 'predoni' bancomat, spari degli agenti - Puntanto sulla logistica e sulla possibile via di fuga veloce hanno tentato di far saltare il bancom...
Puntanto sulla logistica e sulla possibile via di fuga veloce hanno tentato di far saltare il bancomat di una banca sulla Superstrada per San Marino a Cerasolo (Coriano). Colpo non riuscito perchè la banda, composta da 5 uomini, è stata colta sul fatto dalla polizia di Stato di Rimini alle 5 di questa mattina. 3 sono stati arrestati, per gli altri due è caccia all'uomo. Intorno alle 5 la sala radio della questura è stata avvisata di un'esplosione e le pattuglie, che si trovavano già in zona, hanno avvistato un'auto di grossa cilindrata con cinque persone a bordo. Nella fuga i malviventi hanno speronato la volante, che si è girata in testa coda e ha finito la corsa contro il cordolo di un marciapiede. Dopo aver provato a colpire anche la macchina del Reparto prevenzione crimine, l'auto della banda, avendo riportato evidentemente dei danni, ha rallentato la corsa. A quel punto i poliziotti si sono avvicinati sparando alcuni colpi in aria. Due uomini sono scesi e fuggiti facendo perdere le loro tracce, mentre gli altri tre sono stati arrestati. Si tratta di tre italiani, di 46, 36 e 32 anni, due di Palermo e uno di Bologna. Nella loro auto i poliziotti hanno trovato cavi elettrici, prese di corrente, batterie, passamontagna, forbici, una pistola giocattolo priva del tappo rosso e tutto l'occorrente per confezionare materiale esplosivo. L'accusa nei loro confronti è di tentato furto aggravato, detenzione di materiale esplosivo e resistenza a pubblico ufficiale. Nelle vicinanze della banca sono state trovate altre automobili nella disponibilità dei tre malviventi che presumibilmente sarebbero servite per la fuga. La squadra Mobile della polizia sta verificando se siano attribuibili a loro altri episodi commessi nel nord Italia ed è già sulle tracce dei due complici scappati.

VA