Logo San Marino RTV

Strage Orlando: l'Isis rivendica l'attentato

13 giu 2016
Strage Orlando: l'Isis rivendica l'attentato
Strage Orlando: l'Isis rivendica l'attentato
Nella serata di ieri è arrivata la rivendicazione dello Stato Islamico dell'attentato che a Orlando ha provocato la morte di 50 persone e il ferimento di altre 53. L'agenzia di stampa del Califfato ha fatto sapere il killer, Omar Mateen, "era un combattente dell'Isis". Nel testo della rivendicazione riportato in un tweet si legge: "L'attacco che ha preso di mira il gay club di Orlando, in Florida, e che ha provocato 100 tra morti e feriti, è stato compiuto da un combattente dello Stato islamico".
Il 29enne di origini afgane, armato di un fucile d'assalto e di un "altro tipo di ordigno", si era barricato nella serata di sabato dentro al "Pulse" un locale gay con degli ostaggi ma è stato ucciso dalla polizia.
Il presidente Barack Obama, in conferenza stampa ha dichiarato "I nostri cuori sono spezzati oggi. E' stato un atto di terrore e di odio". "Dobbiamo dimostrare - ha aggiunto - che siamo un Paese che è soprattutto identificato per l'amore e non per l'odio".
Quella di Orlando è la peggior strage che fin'ora è avvenuta in America dopo l'11 settembre.