Logo San Marino RTV

Tribunale: condannato a 5 mesi, con la condizionale, giovane di Borgo; era accusato di detenzione e uso di stupefacenti

Giornata di udienze in Tribunale. Davanti al Giudice Battaglino anche procedimenti per riciclaggio e appropriazione indebita

22 giu 2020

Vicenda problematica, quella di un 22enne residente a Borgo; finito nei guai già nel 2016, quando non era ancora maggiorenne. Venne fermato mentre era alla guida di una minicar, e gli agenti ravvisarono uno stato di alterazione psicofisica, da una serie di indizi: dall'odore di marijuana nell'abitacolo, all'arrossamento degli occhi. Il ragazzo, del resto, venne trovato nell'occasione in possesso di oltre 15 grammi di cannabis. Due anni dopo gli venne invece contestato il consumo di cocaina e cannabinoidi e la detenzione per uso personale di circa 3 grammi di hashish. Successivamente per due volte fallì l'esperimento probatorio, essendogli state riscontrate positività. Da qui l'udienza odierna, a seguito della riunione dei procedimenti. Oggi, ha affermato la Difesa, ha una vita più serena, e vorrebbe non essere condizionato da un passato difficile. Alla fine il Commissario della Legge ha condannato il giovane a 5 mesi di prigionia, ma con la sospensione condizionale della pena, in regime di esperimento probatorio. Assoluzione per mancanza di prove, invece, per quanto riguarda la guida in stato di alterazione; come richiesto del resto dalla stessa Procura del Fisco, seguendo una giurisprudenza consolidata in questi casi.

In precedenza, davanti al Giudice Battaglino, anche un'udienza del processo nei confronti di un 40enne sammarinese e di un pesarese di 67 anni. I due in qualità rispettivamente di amministratore di diritto, e di fatto, della Broker International Car di Falciano, sono accusati di aver utilizzato in attività economiche, ed occultato su un conto corrente acceso presso una banca sammarinese, somme ritenute provento di reati tributari e contro il patrimonio, posti in essere dal marchigiano. Fra i testi sentiti oggi anche l'allora direttore dell'AIF. Disposto un rinvio per un'acquisizione documentale. Aggiornato al 20 luglio, infine, il procedimento per appropriazione indebita contro un 36enne di San Marino.