Logo San Marino RTV

A San Giuliano il miglior film algerino del 2019

Al Tiberio di Rimini torna il cinema d'autore con NON CONOSCI PAPICHA, fino al 4 ottobre, il lungometraggio sul terrorismo islamista ad Algeri fine anni 90 direttamente da Cannes 2019

di Francesco Zingrillo
2 ott 2020
"Non conosci Papicha"
"Non conosci Papicha"

PAPICHA di Mounia Meddour Gens è un'opera prima sul corpo e l'abbigliamento che ne determina l'espressività. Moda e università per donne forzatamente sottomesse al regime arcaico e radicale d'ispirazione coranica estrema. Libertà femminile al college di Algeri si organizza una sfilata in discoteca dove ancora si può ballare e amare senza morire dentro. Il radicalismo è odio sessuale che si esprime in piena guerra civile anni 90 anche attraverso le miliziane in burqua e mettersi i jeans o un camicione lana-seta alla moda è un atto rivoluzionario di libertà universale. NEDJMA detta PAPICHA, cioè bella e attraente, come non può essere in Algeria in quegli anni di rivolta, manipola l'haik, il telo bianco tradizionale, trasformandolo in un capo sensuale. Le universitarie rifiutano il niquab che copre la personalità negando intelligenza e individualità solo alle donne. Un film di corpi vestiti e tessuti sulle forme delle donne algerine, che sono bellissime. Una scarica di vitalità dirompente della gioventù nordafricana contro l'oscurantismo religioso strisciante a voler governare l'anima, smuove nell'intimo, la coscienza dello spettatore.

   fz