Logo San Marino RTV

Cantano sotto le bombe, le “signorine” dello swing

25 feb 2014
Cantano sotto le bombe, le “signorine” dello swing
Cantano sotto le bombe, le “signorine” dello swing
Venerdì 28 febbraio –ore 21,15 - si inaugura il cartellone del Teatro Titano di San Marino Teatro con un gruppo davvero eccezionale e stupefacente: le Sorelle Marinetti  che a tutto swing riporta in vita, emozionando e coinvolgendo il pubblico, il repertorio italiano del jazz swing in voga in Italia (su emulazione di quello americano) dal ’35 fino ai primi anni ’40. Insieme Gianni Fantoni, noto ed amato comico, (nonché conduttore, scrittore, attore e autore di programmi radiofonici e televisivi) porteranno in scena Risate sotto le bombe, esilarante commedia con musica e canzoni che ripercorre le vicissitudini di une sbilenca compagnia di varietà negli anni della seconda guerra mondiale
Figlie improbabili della fulgida epopea dell’Eiar (l’emittente radiofonica nata in piena dittatura, da cui, come Araba Fenice, si generò la RAI), le tre sorelle canterine sono una creazione del produttore e autore Giorgio Bozzo, che le ha preparate all’impegno convincendole ad ascoltare – con un’ostinazione che rasentava la tortura – i grandi nomi della canzone degli anni ’30: il Trio Lescano, Silvana Fioresi, Maria Jottini, Alberto Rabagliati, Natalino Otto, Ernesto Bonino. Se sul piano artistico sono una cosa sola, su quello più caratteriale le Sorelle Marinetti sono davvero una diversa dall’altra: Turbina, la maggiore, è la più saggia e posata; Mercuria, la mediana, più ingenua e sognatrice; Scintilla, la minore, più sfacciata e birichina.
Per la prima volta si cimentano in un’operazione teatrale che le vede protagoniste di una pièce esilarante. La trama: un piccolo teatro, in una piccola città di provincia, una sera di tardo autunno del 1943; dall’inizio della guerra le compagnie di arte varia si arrangiano come possono, girando il paese tra mille difficoltà e con mezzi di trasporto improvvisati, alla disperata ricerca di un ingaggio successivo e con la speranza che l’impresario locale non faccia scherzi, magari scappando con il magro incasso.
Poco dopo l’inizio di uno spettacolo suona improvvisamente un allarme aereo. Il pubblico, preso dal panico, scappa dalla sala. La piccola compagnia di attori e cantanti si rifugia nel camerino del coro, esattamente sotto il palcoscenico del teatro e lì attende che l’emergenza cessi. Le Sorelle Marinetti, il capocomico Altiero Fresconi, il refrenista Rollo, la soubrettina Velia Duchamp e alcuni musicisti sono costretti ad attendere il cessato allarme in un angusto spazio, che fa affiorare la complessità dei rapporti interpersonali.
Per impiegare il tempo e scacciare la preoccupazione gli artisti decidono di provare i numeri di un nuovo spettacolo per il quale vi è speranza di un debutto la settimana successiva in un grande teatro cittadino. A complicare la situazione c’è la fame: gli artisti non mangiano da più di un giorno e le forze e l’entusiasmo sono in via di esaurimento
Il testo è di Giorgio Umberto Bozzo, ideatore del progetto Sorelle Marinetti e già autore di “Non ce ne importa niente”. La direzione musicale è del M° Christian Schmitz.

I biglietti saranno in vendita da mercoledì 26 febbraio dalle ore 16.30 alle ore 20.00 presso la biglietteria del Teatro Titano, mentre sul sito www.sanmarinoteatro.sm sarà possibile acquistare oltre che per Risate sotto le bombe anche i biglietti per i prossimi spettacoli della Stagione Teatrale al Teatro Titano.
Info Teatro Nuovo tel. 0549 885515