Logo San Marino RTV

Esce in tutte le librerie del mondo il secondo volume “Gesù di Nazaret”

10 mar 2011
Il Papa non scrive da pontefice “infallibile” (nessun dogma… si potrebbe dire), anzi: nel secondo volume su passione, morte e resurrezione parla da storico appassionato e controcorrente. Scrive sfatando parecchie dicerie, per esempio: solo una élite aristocratica di giudei volle l’uccisione e non Israele tutta. I circoli del tempio e il partito di Barabba spinsero per l’amnistia pasquale di popolo mentre i nazareni pregavano nascosti. Sangue versato mai contro qualcuno (vedi fondamentalismi e tutti i fanatismi!!!): potere precostituito (Pilato) o Sinedrio ma per tutti nei secoli dei secoli. Ancora, Giuda fu preda del Demonio e non ebbe fede; le curiosità: date di, ultima cena e passione, sbagliate. Il testo ha più livelli di lettura, non è un documento magistrale, ha sì una valenza teologica ma prima di tutto è il contributo di un innamorato di Cristo, con lo sguardo a Gesù in un rapporto personale rivolto al cuore di ognuno.

f.z.