Logo San Marino RTV

Agricoltura: 90 le aziende del settore in Repubblica

5 mag 2007
Paesaggio agricolo
Paesaggio agricolo
Sono concentrate in gran parte nei Castelli di Borgo Maggiore e Serravalle. 26 il totale complessivo dei dipendenti, a dimostrazione che si tratta, quasi esclusivamente, di imprese a conduzione famigliare.
Producono frutta, ortaggi, olio d’oliva, vini e mosti, miele. 3 le aziende zootecniche che allevano, rispettivamente, bovini, suini e pollame.
Le imprese condotte full-time e quelle a indirizzo zootecnico, hanno una superficie agricola utilizzata maggiore rispetto al valore medio. Il 50% di questa è coltivata ad erba medica, la manodopera è prevalentemente familiare i conduttori hanno una età media elevata, l’apporto dell’attività agricola al reddito familiare è minoritario mentre i metodi di produzione adottati dalle imprese sono prevalentemente convenzionali.
Il principale canale di vendita utilizzato è quello cooperativo. I problemi principali si rifanno a una redditività costantemente in calo, alla difficoltà di reperire manodopera agricola, ai rischi nelle produzioni legati all’andamento della stagione, a strutture aziendali inadeguate e alla difficoltà di conciliare l’attività zootecnica con le esigenze delle aree residenziali.
Quando invece si collocano i prodotti agricoli sul mercato, i problemi stanno nella diminuzione dei prezzi, nella impossibilità di determinarli e nel rispondere ai gusti dei consumatori, mentre nei rapporti con le istituzioni pubbliche, il campione di aziende lamenta eccessiva burocratizzazione, lentezza nell’espletamento delle pratiche, scarso coinvolgimento nelle scelte strategiche e mancanza di programmazione.
Ogni comparto presenta punti di forza e di debolezza. Ad esempio quello vitivinicolo ha tra i punti di forza la concentrazione dell’offerta, il legame con il territorio e l’unicità del prodotto ma ha difficoltà ad incrementare la produzione per la scarsa disponibilità a destinare i terreni a queste colture mentre il comparto olivicolo può contare su una elevata qualità del prodotto e un forte legame con il territorio, ma deve fare i conti con la scarsità della produzione e la mancanza di uno stabilimento.