Logo San Marino RTV

Avviato il fondo europeo salva stati

8 ott 2012
Avviato il fondo europeo salva stati
L'avvio del fondo salva stati permanente "é una buona notizia per l'Europa": lo ha dichiarato il presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker, sancendo la definitiva entrata in vigore dell’ESM. Occhi puntati su Spagna e Grecia - i due grandi malati del Vecchio Continente – oggi a Lussemburgo, con i ministri delle Finanze dei 17 che dovranno versare i primi 32 miliardi di capitale del Meccanismo di Stabilità Europea, quello che Bruxelles definisce il paracadute della zona euro contro la crisi del debito sovrano. Il fondo sarà in condizioni di prestare 200 miliardi entro fine ottobre su una capacità totale di 500 miliardi; la contropartita sono dure misure neo-liberiste fatte di tagli allo stato sociale e riduzioni di stipendi e pensioni.
Ma chi si aspettava – dal varo dell’ESM – una risposta positiva dei mercati probabilmente sarà deluso. Fortemente negativo l’andamento dei listini del Vecchio Continente. Piazza Affari ha chiuso in profondo rosso con un eloquente -1,98%; spread nuovamente a quota 360; vendite a pioggia soprattutto per bancari e Fiat. Madrid segna un -0,59%. Fortemente negativa Parigi - -1,46% -; stesso risultato – praticamente – per Francoforte: -1,44%.
Intanto Atene – in fermento per il forte malcontento della popolazione - si blinda in vista dell'arrivo domani di Angela Merkel. La polizia della capitale ellenica ha proibito tutte le manifestazioni di protesta, sindacali e non, già programmate in questi giorni. La decisione - si legge in una nota - è stata presa nell' interesse pubblico" e per garantire "la vita socio-economica della capitale". Secondo la stampa locale è quasi certo - a questo punto - che i principali sindacati del Paese sposteranno fuori dalla città i comizi. Non sono escluse, comunque, dure manifestazioni, non autorizzate, da parte di gruppi extra-parlamentari o della galassia anarchica.