Logo San Marino RTV

Caso Asset: i Commissari Straordinari Pedrizzi e Dispinzeri rassegnano le dimissioni

14 apr 2017
Asset BancaCaso Asset: i Commissari Straordinari Pedrizzi e Dispinzeri rassegnano le dimissioni
Caso Asset: i Commissari Straordinari Pedrizzi e Dispinzeri rassegnano le dimissioni - Alla base della decisione non si esclude abbia influito l'ordinanza del Tribunale amministrativo
Su Asset Banca le novità arrivano ormai con cadenza quotidiana. Si è passati nel giro di 24 ore dalla sospensione dell'amministrazione straordinaria decisa dal Tribunale amministrativo per un vizio di forma, al ripristino dello status quo con un nuovo provvedimento di Banca Centrale, riconsegnato ieri mattina una volta sanato dagli errori materiali che avevano contraddistinto la prima stesura. Oggi l'ennesima svolta, con la sostituzione da parte dell'istituto di Via del Voltone dei due Commissari Straordinari, gli avvocati Vincenzo Maurizio Dispinzeri e Giuseppe Pedrizzi, nominati all'avvio del commissariamento, il 2 marzo scorso, e riconfermati appena ieri alla ripresa della gestione coattiva dell'istituto. Subentra loro un unico Commissario: Roberto Venturini, classe 1950, udinese di nascita ma residente a Treviso; all'attivo diverse esperienze professionali nel territorio della Marca: nel 2014 è stato, tra l'altro, nominato da Banca d'Italia Commissario Straordinario del Credito Trevigiano. Si apre, dunque, una nuova fase per Asset ma va da sé che questo cambio repentino dei referenti di Bcsm all'interno della banca commissariata possa aprire la strada a diverse ipotesi, non ultima quella di divergenze - se non altro di vedute - tra le parti. La Dc, in una nota, parla di dimissioni rassegnate da Pedrizzi e Dispinzeri, e ciò proprio all'indomani della loro “conferma con il nuovo commissariamento prescritto da Banca Centrale dopo il recente incontro del Comitato per il Credito e il Risparmio”. Ciò – rincara il Partito socialista – fa sorgere ulteriori dubbi a danno del sistema e del Paese”. Non è comunque da escludere che sulla decisione di dimettersi da parte dei due professionisti abbia in qualche modo pesato l'ordinanza emanata dal Tribunale amministrativo. Resta invariata invece la compagine del Comitato di Sorveglianza, composto da Giuseppe De Marco, Paolo Mazzanti e Marcello Condemi.