Logo San Marino RTV

Cassa di Risparmio: in Congresso le misure di garanzia e rilancio

22 ago 2017
Palazzo Pubblico
Palazzo Pubblico
Cassa di Risparmio sempre al centro dell'attenzione, soprattutto dopo il deficit da 534 milioni certificato dal Bilancio 2016 dell'Istituto di credito. Oggi il Congresso di Stato, che ha già assicurato la copertura delle esigenze finanziarie, dovrebbe emettere il decreto di legge che contiene le misure di rafforzamento di Cassa di Risparmio, proprio per salvaguardare e sostenere la stabilità del sistema economico-finanziario sammarinese e favorire il rilancio di Cassa che - ribadisce l'Esecutivo - ha una rilevanza sistemica. Con il Decreto legge si autorizza l'Eccellentissima Camera a garantire la copertura delle perdite patrimoniali che emergono dal bilancio d'esercizio di Cassa, sia per la propria quota di partecipazione diretta al capitale sociale, sia nel caso di mancato intervento da parte di altri soci.

In serata anche il
Psd è intervenuto sulla vicenda. Importante, si legge nella nota, è il mancato deposito del piano di ristrutturazione che, accostato a perdite di questa portata, avrebbe rappresentato un elemento di rassicurazione per i correntisti.  Dal segretario del Psd arrivano diverse perplessità e una riguarda la segnalazione o meno ai soci di Carisp su eventuali azioni di responsabilità verso il precedente consiglio d'amministrazione.  "Se il bilancio attuale si discosta di circa 460 milioni da quello ricevuto in via informale dal Cda uscente, bisogna capire - afferma - qual’è quello veritiero". Il Psd rileva l’estrema “prudenza tecnica” osservata dal Consiglio d'Amministrazione guidato da Romito, il ruolo evanescente del Revisore nominato che, ricorda, si astiene rispetto ai criteri adottati in precedenza e, infine, l’estrema imprudenza dal punto di vista politico del Governo; così, conclude il Psd, la cura rischia di essere più dannosa del male. 

Sonia Tura