Logo San Marino RTV

Il colosso bancario italiano Unicredit starebbe per cedere la controllata Banca Agricola Commerciale

6 dic 2010
San Marino - Il colosso bancario italiano Unicredit starebbe per cedere la controllata Banca Agricola CommercialeIl colosso bancario italiano Unicredit starebbe per cedere la controllata BAC
Il colosso bancario italiano Unicredit starebbe per cedere la controllata BAC
100 milioni di euro, di enterprise value di Banca Agricola Commerciale, sarebbero in procinto di essere ceduti – da Unicredit - al miglior offerente. Una notizia che non coglie impreparato il direttore della BAC. “Da tempo ne eravamo al corrente – afferma Pierpaolo Fabbri – l’importante ora è che si giunga ad una definizione della cosa il prima possibile; abbiamo bisogno di certezze”. Massimo riserbo, invece, sui possibili acquirenti. “Le opzioni – continua Fabbri – sono tutte in mano ad Unicredit; prima di esprimere un giudizio, aspettiamo di conoscere il loro orientamento”. Un’operazione, secondo Affari&Finanza di Repubblica, resa necessaria dalla necessità di irrobustire il patrimonio sociale di Unicredit, anche in considerazione dei requisiti di capitale che imporrà Basilea III. E pare siano diversi i colossi della finanza italiana – come Intesa San Paolo, Banco Popolare e Monte dei Paschi -, intenzionati a procedere a ristrutturazioni di questo tipo, vendendo le società controllate considerate non più redditizie. Asset per 10 miliardi di euro – insomma - sarebbero sul mercato. Il problema però – si legge nell’articolo – è la carenza di acquirenti, e le grandi banche non sono disposte a fare sconti. Tornando ad Unicredit, tra le attività in odore di cessione – oltre alla BAC – vi sarebbero pure la Pioneer Investment, con un valore oscillante fra i 3 e i 4 miliardi di euro, e l’istituto Unicredit Mediocredito Centrale. E sempre sull’edizione odierna di Affari&Finanza si parla di San Marino a proposito delle inchieste che hanno coinvolto, nei mesi scorsi, Cassa di Risparmio e IBS; nonché della vicenda del commissariamento di Carim.

Gianmarco Morosini