Logo San Marino RTV

Dalla CSU un allarme per i frontalieri: “Il governo finirà per aumentare le tasse negando il recupero del fiscal drag”

18 dic 2010
San Marino - Dalla CSU un allarme per i frontalieri: “Il governo finirà per aumentare le tasse negando il recupero del <em>fiscal drag</em>”
San Marino - Dalla CSU un allarme per i frontalieri: “Il governo finirà per aumentare le tasse negando il recupero del fiscal drag
La questione è piuttosto complicata. E’ quasi sicuro tuttavia che dal nuovo anno i frontalieri pagheranno qualcosa in più di tasse; per il quantum sarà necessario analizzare le singole buste paga. L’allarme, la CSU, l’aveva lanciato al termine dell’ultimo incontro con l’Esecutivo sulla Finanziaria. “Il Governo – era stato detto – aumenterà l’imponibile, nella tassazione dei lavoratori provenienti da oltreconfine, negando il recupero del fiscal drag: ovvero la detrazione della cifra dovuta all’inflazione. In sostanza si vogliono aumentare le tasse”. “Nessuno scandalo – risponde il segretario della Dc Marco Gatti – fino ad oggi tutte le buste paga, frontalieri inclusi, usufruivano di una deduzione soggettiva d’imposta che in ogni altro Paese è legata alla residenza fiscale. Da quest’anno abbiamo semplicemente deciso di tornare alla normalità. E’ vero, l’imponibile netto salirà leggermente a San Marino; ma ciò che i frontalieri pagheranno di più, in Repubblica, lo recupereranno poi nella fiscalità italiana”. Affermazione contestata, però, dalla CSU. Perché in base a quanto stabilito dalla Finanziaria italiana, dello scorso anno, il credito d’imposta non corrisponde più al 75%, di quanto pagato a San Marino; ora è legato all’incidenza percentuale degli 8.000 euro di franchigia sul reddito. Per intenderci, se consideriamo un salario di 25.000 euro; siamo al 30%. In questo caso sarebbe conteggiato solo un terzo del fiscal drag. “Ma non finisce qui - continua la CSU - è stata paventata una retroattività di questa disposizione; si parla di 3 anni”. Secca, a questo proposito, la smentita di Marco Gatti: “la norma avrà effetto dal primo gennaio del nuovo anno”.

Gianmarco Morosini