Logo San Marino RTV

Doppie imposizioni: successo per il congresso dei commercialisti

7 ott 2006
Un vero successo. È con grande entusiasmo che gli organizzatori commentano l’affluenza al convegno di ieri. 320 adesioni da tutta Italia a conferma che il tema scelto è molto sentito non solo dai professionisti sammarinesi e del circondario, ma anche da quelli di Roma, Milano e sud Italia. Ad aprire i lavori, il saluto dei Segretari per gli Esteri Fiorenzo Stolfi e per le Finanze Stefano Macina. A seguire, l’intervento del Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di San Marino Enzo Zafferani che ha sottolineato l’importanza per l’economia del nostro paese di una definizione dei rapporti economici con l’Italia. "Da parte sammarinese l’approccio è corretto - ha dichiarato - fermo restando l’intendimento di tutelare la riservatezza del sistema bancario e finanziario della Repubblica". Esperti sono poi intervenuti su una serie di argomenti di grande attualità: dalle linee di politica estera ai risvolti delle convenzioni internazionali sulla fiscalità sammarinese; dal modello ocse alla residenza fiscale nel diritto interno e convenzionale. San Marino ha stipulato nell’ultimo anno accordi tesi ad evitare la doppia imposizione con vari Paesi, per ampliare e intensificare le relazioni economiche bilaterali esistenti, e nuovi accordi in materia di cooperazione economica e per la promozione e protezione degli investimenti. Diverse inoltre le attività in itinere per il 2006. Gli accordi costruiscono il presupposto di un processo virtuoso dal punto di vista fiscale tra due paesi, che si basa sulla reciproca fiducia, la correttezza di comportamenti e su una progressiva trasparenza del sistema economico. San Marino, oggi più che mai, ha bisogno di vedere ristabilita la sua immagine troppo spesso inquinata dall’ idea che sia un paradiso fiscale. La direzione in cui si è mossa la Repubblica è quindi quella giusta. È importante per la realtà economica e sociale del Titano che gli accordi siano estesi a più paesi possibili.