Logo San Marino RTV

ECSO: ben venga la crisi in Italia

31 ago 2011
San Marino - ECSO: ben venga la crisi in Italia
San Marino - ECSO: ben venga la crisi in Italia
La contrazione del mercato immobiliare ed industriale sammarinese è dovuto principalmente al cattivo andamento dei rapporti tra Italia e San Marino. Infatti riteniamo che la crisi economica abbia influito solo in minima parte sul mattone e sull'industria locale. San Marino sarebbe potuto diventare un faro nella tempesta della crisi, dove le ditte Italiane si sarebbero potute dirigere per “salvarsi” dal caos economico che ha investito il bel paese.
San Marino aveva fondamentali degni di rating tripla A e lo ha dimostrato reggendo all'urto che il super ministro italiano gli ha mandato contro. Il sistema creditizio era sano (anche se non tutto pulito), il costo del lavoro era in linea con quello Italiano, meno burocrazia (anche se troppa ugualmente) e bassa imposizione fiscale. Un paese amico e sicuro per un investitore. Purtroppo è come se il super ministro avesse capito tutto questo e avesse deciso di tagliare le gambe al nostro sistema, stroncando non solo le ditte “cattive” ma anche le ditte sane! Ora ci si chiede perché non “usare” San Marino per creare nuovo sviluppo in Italia! La situazione Italiana è al collasso e San Marino inaspettatamente da pecora nera è diventato nuovamente un potenziale alleato per l'Italia. Infatti San Marino potrebbe adoperarsi per supportare tutte quelle realtà di dimensioni cospicue che intendono dirigersi fuori dal confine Italiano per effetto dell'aumento delle imposte.
Ci sono già tanti rumors di grandi realtà che andranno via dal Bel Paese per effetto delle nuove misure che l'Italia stà prendendo. Meglio che vengano a San Marino di comune accordo con l'Italia piuttosto che vadano in Austria, Svizzera o Slovenia! Ma le applicazioni di San Marino ora come ora paradossalmente sono centuplicate rispetto a solo un mese fa. Spetta alla nostra classe politica, ora, trovare le strade per far si che un’opportunità diventi la soluzione.

Luca Veronesi