Logo San Marino RTV

Incontro governo-sindacato sulle pensioni

4 mag 2007
L'incontro
L'incontro
Un confronto con al centro la proposta di provvedimento stralcio inviata dal governo alle parti sociali nei giorni scorsi. Si è parlato di part time, riscatto degli anni non lavorati compresi quelli di laurea, mobilità e inabilità al lavoro e disincentivi per chi si colloca in pensione prima di aver maturato 40 anni di contribuzione, con almeno 60 anni di età e 35 di versamenti.
Le due confederazioni sindacali non si dicono soddisfatte dell’incontro perché i nodi importanti non sono stati toccati.
"Non si è parlato - sostengono Cdls e Csdl - di riforma del sistema e del secondo pilastro, ossia la previdenza complementare. Non si è toccato il tema del testo unico delle norme previdenziali compresa la criticità dei fondi pensione degli artigiani e dei commercianti".
Insomma un ritardo che non piace alle organizzazioni sindacali " perché - dicono - rimanda ancora una volta la definizione di temi importanti".
Da parte del governo è arrivata la disponibilità a presentare nuove ipotesi e a migliorare le proposte già presentate su temi quali il part-time, il riscatto degli anni non lavorati, la mobilità e l’inabilità al lavoro. Mentre su aspetti che hanno una forte valenza sociale, come part-time e aspettative per la cura di figli e famigliari, l’esecutivo si sarebbe impegnato a monitorare la situazione per poi riprendere il confronto con il sindacato e poter definire una riforma delle norme relative.
Infine il governo si è impegnato a far pervenire al sindacato una nuova stesura della proposta di provvedimento stralcio in base anche a quanto emerso dall’incontro di oggi.