Logo San Marino RTV

Nessun mandato all'Unione Europea per trattare con la Svizzera

15 mag 2012
Nessun mandato all'Unione Europea per trattare con la Svizzera
Nessun mandato all'Unione Europea per trattare con la Svizzera
I ministri di Lussemburgo e Austria sono quelli che più hanno opposto residenza alla proposta di delegare la Commissione Europea a trattare con la Svizzera e gli altri 4 paesi, tra cui San Marino, che hanno sottoscritto gli accordi sulla tassazione dei redditi da risparmio dei non residenti. Le autorità elvetiche erano pronte a trattare, per aggiornare la convenzione vigente, allargandola ad altre fonti di reddito, come le assicurazioni sulla vita, ma nel vertice dei ministri delle finanze dei 27, Maria Fekter e Luc Frieden, hanno manifestato il timore che Bruxelles voglia imporre lo scambio automatico di informazioni fra autorità fiscali e difeso la pratica di un'imposta alla fonte. In assenza di unanimità la presidenza di turno, detenuta dalla Danimarca, ha girato la questione ai capi di Stato e di Governo, che ne discuteranno nella riunione straordinaria del 23 maggio. Intesa invece raggiunta sulle regole di Basilea 3, per i requisiti di capitale per le banche europee. Caduti i veti di Gran Bretagna e Bulgaria, si è raggiunto un accordo politico. Il nuovo schema interessa 8.300 istituti di credito ed è considerato elemento fondamentale del nuovo quadro di regole per i mercati finanziari. Un compromesso che si basa sulla flessibilità, la possibilità cioè, per ogni paese, di applicare un cuscinetto finanziario a tutte le esposizioni edi aumentare il calcolo per il rischio tra il 15 e il 25% a seconda dei casi.

Sergio Barducci