Logo San Marino RTV

Nuovo regolamento per il ritiro dalla circolazione di banconote in euro sospette di falsità

23 dic 2010
Nuovo regolamento per il ritiro dalla circolazione di banconote in euro sospette di falsità
Queste le cifre, riferite all’anno 2009, l’ultimo disponibile: 211 banconote riconosciute false, cifra in realtà inferiore al 2008 del 28,2%, quando erano state 294. Il taglio più falsificato, da due anni in qua, è quello intermedio, da 20, 50 e 100 euro che, insieme, costituiscono il 98,1% del totale delle falsificazioni sottratte dalla circolazione. Il biglietto più contraffatto è quello da 20 euro (101 pezzi trovati, pari al 47,9% del totale), seguito da quello da 100 euro. Nessuna contraffazione per i tagli da 5, 10 e 500 euro. Il nuovo regolamento estende il numero dei soggetti investiti del diritto-dovere di procedere al ritiro delle banconote e delle monete sospette di falsità. Prima questa procedura era riservata quasi esclusivamente alle banche, ora si applica anche alle finanziarie, comprese imprese di investimento, compagnie assicurative e intermediari assicurativi; le imprese che svolgono attività di recupero crediti per conto terzi; quelle che svolgono attività di custodia e trasporto di denaro contante; gli uffici postali; la tesoreria; i soggetti che gestiscono case da gioco; persone giuridiche che svolgono in modo occasionale l’attività di negoziazione di una valuta contro un’altra. Cosa fare in caso di sospetto? Trattenere incondizionatamente le banconote o monete sospette, redigere apposito verbale e anticipare via fax a Banca Centrale, entro un giorno, copia fotostatica di banconote e monete ritirate, prima di spedire il tutto con raccomandata.

Francesca Biliotti