Logo San Marino RTV

Sempre più famiglie sammarinesi risparmiano

15 nov 2004
Sempre più famiglie sammarinesi risparmiano
Il caro euro e l’incertezza per il futuro modificano il rapporto dei sammarinesi con il denaro. Da sempre oculati investitori, grazie anche a un livello di vita notevolmente più alto rispetto ai cugini italiani, gli abitanti della Repubblica sono sempre più formiche e sempre meno cicale.
In 4 anni e con il passaggio dalla lira all’euro, le famiglie che accantonano dall’11 al 20 per cento del loro reddito, sono passate dal 63 al 69%. Pressoché invariato, invece, il tipo di investimento scelto per far fruttare i sudati risparmi: i sammarinesi preferiscono i depositi bancari, seguiti da titoli e azioni. Al terzo posto, per chi se lo può permettere, c’e’ ancora il vecchio mattone, vale a dire l’investimento immobiliare. I dati, forniti dall’Ufficio di Statistica, trovano conferma in quelli complessivi della Banca Centrale che registra, un incremento del 5,5% della raccolta diretta da gennaio ad agosto di quest’anno.
Il 69% delle famiglie sammarinesi riesce a risparmiare una media del 24,42% del reddito. Vale a dire che riesce ad accantonare 24 euro e 42 centesimi ogni 100 euro guadagnati anche se, sottolinea l’Ufficio di Statistica, il 31% delle famiglie risparmia dall’11 al 20% del reddito complessivo.
Il gruppo più consistente, di questi sammarinesi previdenti, si compone di famiglie con almeno 2 figli e con una buona disponibilità di reddito. Sanno risparmiare e gestiscono questi accantonamenti decidendo insieme, moglie e marito, in che modo investirli. Più ristretto il gruppo che potremmo definire degli ottimisti. 1 solo figlio, un buon livello culturale, è qui il caposaldo della famiglia che crede in se stessa e nella sua capacità di far fronte alle esigenze dei figli. La buona capacità di risparmio consente anche una maggiore propensione al rischio, con un ricorso frequente ai fondi di investimento.