Logo San Marino RTV

Si prepara l'incontro tra Banca Centrale, Bankitalia e Ministero delle Finanze

24 gen 2011
San Marino - Si prepara l'incontro tra Banca Centrale, Bankitalia e Ministero delle Finanze
San Marino - Si prepara l'incontro tra Banca Centrale, Bankitalia e Ministero delle Finanze
"Siamo in attesa di conferma dell'incontro tra Banca Centrale, Bankitalia e Ministero delle Finanze", ha detto il presidente Renato Clarizia. Non è stato ancora fissato un giorno esatto, ma i contatti sono avviati. Clarizia, che aveva annunciato come primo atto della sua presidenza iniziata il 15 dicembre scorso, proprio l'intenzione di incontrare i vertici di Banca d'Italia e il ministro Giulio Tremonti, ha anche commentato positivamente la recente visita della delegazione del Fondo Monetario Internazionale. "Il documento finale è positivo. E' stata apprezzata la nostra piena trasparenza e il fatto che il sistema sammarinese sta cambiando nel rispetto delle regole, della normativa europea e dell'antiriciclaggio”. E sono sempre le dichiarazioni dei vertici di Banca Centrale, questa volta riportate dall’inserto di Repubblica “Affari e Finanza” a fare notizia. Si dà atto a San Marino di avere adottato realmente un percorso di trasparenza e si sottolinea che, forse per la prima volta, Banca Centrale esiste e vuol farsi sentire. Immediata la replica degli ex vertici di Banca Centrale: Bossone, Papi e Caringi. Forse nel tentativo di accreditare i nuovi vertici di Banca Centrale, scrivono, si getta fango su quanto realizzato nella precedente gestione. Inaccettabile, affermano, sostenere che in passato Banca Centrale poteva essere bypassata con una telefonata ad un esponente di governo. Deplorevole lasciare intendere che la pulizia del sistema finanziario sammarinese sia stata avviata con l’allontanamento degli ex vertici. La verità, sottolineano, è esattamente all’opposto. Ancora inaccettabile che si attribuisca ai nuovi vertici quanto realizzato e avviato da tempo da Banca Centrale. A stretto giro di posta arriva la precisazione del direttore generale Mario Giannini. “Numerose le inesattezze rilevate nell’articolo di Repubblica”, dice. In particolare, sottolinea, non ho mai detto che: “ci sono stati l'allontanamento e le dimissioni del capo della vigilanza e del presidente, sono arrivati i nuovi dirigenti. Insomma, abbiamo cominciato a fare un po' di pulizia”.

Sonia Tura