Logo San Marino RTV

Toni infuocati all’incontro “allargato” sul rinnovo del contratto industria

10 ott 2012
Toni infuocati all’incontro “allargato” sul rinnovo del contratto industriaToni infuocati all’incontro “allargato” sul rinnovo del contratto industria
Toni infuocati all’incontro “allargato” sul rinnovo del contratto industria - Il Segretario Mussoni invita le parti a trovare una sintesi tra le diverse posizioni, per il bene de...
Un confronto molto acceso, carico delle tensioni accumulate in questi mesi. Da una parte ANIS e FLI-CSU che il rinnovo del contratto l’hanno già sottoscritto a luglio e spetta ora ai lavoratori l’ultima parola con il referendum nelle aziende; dall’altra USL ed OSLA, estranee ad ogni trattativa. In mezzo il Segretario al Lavoro che invita a trovare le soluzioni tecniche per uscire da questa conflittualità.
A proposito di assunzione di responsabilità, Marco Tura ricorda che la CSU è l’unica ad aver firmato sia l’accordo tripartito, sia il contratto industria, “cosa che la dice lunga”, e rigetta ogni contestazione: il contratto è legittimo perché sottoscritto da due parti; il referendum sottosta a regole interne al sindacato quindi indiscutibile. “Siamo comunque disponibili a tornare su alcuni aspetti – aggiunge il segretario CDLS – con chi rappresenti realmente qualcuno”. Una frecciatina cui si unisce Enzo Merlini (CSdL) che considera “il tema della rappresentatività per nulla secondario” e invita chi si vuole aggregare a farlo adesso: “Dopo, a giochi fatti, troppo comodo”. OSLA dal canto suo apprezza l’appello lanciato da Mussoni: “Siamo aperti al confronto – dice il Presidente Dolcini – sia allargato, sia con i soli sindacati”. Anche per Francesca Busignani (USL) bisogna lavorare insieme. “Un risultato il più condiviso possibile – sostiene - è la condizione ottimale per tutti”. Nel video l'intervista al segretario al Lavoro, Francesco Mussoni

Silvia Pelliccioni