Logo San Marino RTV

USOT: "Il protezionismo non è la risposta alla crisi economica"

7 giu 2020
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

L'Unione Sammarinese Operatori del Turismo lancia un nuovo grido d'allarme per le aziende del settore, dovuto – sostiene il Direttivo - “all’evidente mancanza di provvedimenti efficaci nei vari Decreti di questi mesi”. Alla base, la convinzione che la politica non abbia colto “la drammaticità che sta vivendo l’industria alberghiera, della ristorazione ed in generale tutta la filiera turistica”, alle prese non solo con la crisi di liquidità – fa notare USOT – ma soprattutto con il crollo della domanda. Le attività – sottolineano gli operatori turistici - “hanno subito un calo del fatturato che si aggira, mediamente, attorno al 70% e se consideriamo le sole attività del Centro Storico la percentuale di alza al di sopra del 90%. Tuttavia, l'entità dell'impatto lo si potrà valutare solamente nei prossimi mesi”.

Preoccupata “da decisioni del Governo che sembrano voler ancor più isolare il Paese rispetto al contesto europeo” USOT si dice, inoltre, contraria “a forme di sussidi pubblici – riporta la nota - che falsano la concorrenza. Dobbiamo puntare a obiettivi che siano di crescita complessiva, e il protezionismo – sottolineano - non è la risposta alla crisi economica”.

Infine, l'appello a dimostrare nei fatti che si vuol realmente valorizzare il Turismo ed iniziare a creare tutti quei presupposti – conclude USOT - indispensabili per renderci un’industria cardine per lo sviluppo del territorio”.