Logo San Marino RTV

Vicenda CIS: "corsa contro il tempo" per il "Piano B". Lunedì giornata decisiva

Dal Segretario di Stato Guidi apprezzamento per il senso di responsabilità dimostrato da tutti gli attori coinvolti nella risoluzione della crisi

13 lug 2019
Il Segretario alle Finanze Eva GuidiVicenda CIS: "corsa contro il tempo" per il "Piano B". Lunedì giornata decisiva
Vicenda CIS: "corsa contro il tempo" per il "Piano B". Lunedì giornata decisiva

A prescindere da ogni altra considerazione, vi è un fatto importante – e per certi versi inedito – in questa vicenda: l'unità di intenti, nel tentativo di risolvere la crisi; la capacità di fare fronte comune di Governo, politica, BCSM, sindacati e rappresentanti dei fondi pensione. Nella consapevolezza, probabilmente, che una nuova LCA, avrebbe effetti catastrofici sull'intero sistema.

“Negli ultimi giorni – afferma il Segretario di Stato Eva Guidi – vi sono stati numerosi incontri, molto proficui, ai quali hanno partecipato – con grande senso di responsabilità – tutti i soggetti coinvolti; con tavoli tecnici nei quali sono stati discussi aspetti fondamentali, quali la difesa dei fondi pensione, dei depositanti e dei dipendenti del CIS”.

A questo punto sarà decisiva la giornata di lunedì, che si aprirà con la seduta, in mattinata, del Congresso di Stato. E poi due passaggi previsti dalla stessa “Legge Salvabanche”, per il via libera all'utilizzo dello strumento della “risoluzione”: una riunione del Comitato per il Credito e il Risparmio, e, a seguire – in serata -, la Commissione Finanze, già convocata in precedenza. In questa sede sarà necessaria una maggioranza qualificata dei 2/3 dei presenti, per l'ok al provvedimento: che attualmente costituisce la “strada maestra” per affrontare la crisi; anche se – nelle scorse ore – pare fosse arrivata una nuova proposta d'acquisto, dell'istituto di credito di Serravalle, da parte del gruppo Stratos.

Probabile, già da martedì, una nuova sessione del Consiglio Grande e Generale, essendo necessari – a quanto pare - adempimenti di carattere normativo e contabile, per il complesso piano di risoluzione elaborato da BCSM; dove sono contenute le ipotesi principali sulle quali ci si è accordati dopo i numerosi incontri dei giorni scorsi.

La tempistica, del resto, è fondamentale: il 21 luglio scadrà l'ultima proroga del blocco dei pagamenti di Banca CIS; e perché una legge entri in vigore è necessario il decorrere di 5 giorni. Si procede decisi – insomma – sul percorso del cosiddetto “Piano B”; anche se vi sarebbero ancora vari aspetti da definire. Ciò che appare chiaro è che, qualora l'operazione dovesse andare a buon fine, la “banca risolta” necessiterà di un piano strategico.

Tra le idee vi sarebbe anche quella di utilizzarla in un veicolo di sistema per la gestione di tutti gli NPL, non solo quelli del CIS.