Logo San Marino RTV

25 Aprile, Mattarella: “Il dovere, morale e civile, della memoria”

25 apr 2019
25 aprile, nel video l'intervista al Vicepremier Di Maio
25 aprile, nel video l'intervista al Vicepremier Di Maio

Oggi, 25 aprile si celebra in Italia il 74esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo. "Il nostro secondo Risorgimento", lo ha definito il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha deposto una corona d'alloro all'Altare della patria. Presenti anche il premier Conte, il ministro della Difesa Trenta, il governatore del Lazio Zingaretti, il sindaco di Roma Raggi oltre ai vertici di forze armate e polizia. Il Capo dello Stato ha poi raggiunto Vittorio Veneto: "Questo doveroso ricordo – ha detto - ci spinge a stringerci intorno ai nostri amati simboli: il tricolore e l'inno nazionale. È il dovere, morale e civile, della memoria. Memoria degli eventi decisivi della nostra storia recente, che compongono l'identità della nostra Nazione da cui non si può prescindere per il futuro".

Numerosi i cortei lungo la Penisola organizzati dall'Anpi e non solo: già scattate da ieri i piani sicurezza per le celebrazioni, così come le bonifiche e i controlli. Clima teso già da giorni: mentre si alza il tono dello scontro politico – con alcuni esponenti che hanno scelto di dissociarsi dalle celebrazioni - in diverse parti d’Italia tanti i monumenti alla memoria dei partigiani colpiti dai neofascisti. Stanotte a Milano incendiata la corona posta accanto alla lapide che ricorda Carlo Ciocca in via Palmieri, nel quartiere popolare di Stadera. Episodio che fa il paio con lo striscione inneggiante Mussolini srotolato sempre ieri vicino a Piazzale Loreto da un gruppo di ultras laziali.

A Roma stamane in concomitanza con i festeggiamenti, sit-in di Forza Nuova con bandiere della 'Repubblica Sociale' e lo striscione dalla scritta 'Mai più antifascismo'.

Ha scelto la Sicilia per commemorare il 25 aprile, il Ministro dell'Interno Matteo Salvini: "Che sia la giornata dell'unione e della pacificazione nel nome dell'Italia che verrà, - ha detto da Corleone. Ha invece partecipato alla cerimonia nella sinagoga romana di via Balbo, il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio: in raccoglimento davanti alla targa che ricorda le vittime della Brigata ebraica.

Guarda l'intervista al Vicepremier Di Maio.