Logo San Marino RTV

Avviso di garanzia per Conte e sei ministri del governo per la gestione dell'emergenza coronavirus

Parte da denunce presentate in tutta Italia. Per Palazzo Chigi la stessa Procura della Repubblica "ritiene le notizie di testo infondate e dunque da archiviare"

13 ago 2020
Nel video l'intervista all'assessore al welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera
Nel video l'intervista all'assessore al welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera

Avviso di garanzia al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai ministri Bonafede, Di Maio, Gualtieri, Guerini, Lamorgese e Speranza: l'atto è dovuto dopo diverse denunce presentate in tutta Italia riguardo all'emergenza coronavirus, a darne notizia è direttamente Palazzo Chigi. Le denunce chiamano in causa diversi reati, da epidemia a delitti colposi contro la salute pubblica, da omicidio colposo ad abuso d'ufficio fino ad attentato contro la costituzione dello Stato e contro i diritti politici del cittadino. Sempre la nota del governo puntualizza che la Procura stessa “ritiene le notizie di testo infondate e dunque da archiviare”. Intanto da oggi test obbligatori per chi rientra in Italia da Grecia, Spagna, Croazia e Malta e divieto di ingresso e transito dalla Colombia. L'ordinanza del ministro della Salute Speranza è valida fino al 7 settembre, al termine dell'incontro tra governo e Regioni, che cercano di trovare intese per arginare i contagi da coronavirus. Non c'è accordo invece su misure più restrittive per le discoteche, con la metà dei presidenti di Regione è scontro.