Logo San Marino RTV

Carabinieri trovano un barattolo pieno di cocaina e scoprono un traffico di droga. Arresti tra Cesena, Ravenna, Ferrara e Cervia

11 gen 2020
Foto archivio
Foto archivio

Tre persone arrestate, una denunciata con obbligo di firma e due denunciate a piede libero con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. È questo il bilancio dell'operazione 'Metal Detector' condotta dai carabinieri della Compagnia di Cesenatico, che ha consentito di sgominare una banda dedita allo spaccio di cocaina nelle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Ferrara, al termine di lunghe indagini.

Tutto ha avuto inizio il 20 ottobre 2018, quando un ricercatore con il proprio metal detector ha trovato un barattolo di vetro contenente della droga nelle colline fra Longiano e Roncofreddo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Longiano e le indagini sono state condotte dalla pm Francesca Rago della Procura di Forlì-Cesena, che ha incaricato la Compagnia e il Nucleo operativo radiomobile di Cesenatico, comandati rispettivamente dal capitano Flavio Annunziata e dal tenente Matteo Alessandrelli. Gli investigatori hanno sequestrato 396 grammi di cocaina e all'interno del barattolo hanno inserito un biglietto con un numero telefonico e un messaggio esca. Il 12 novembre gli spacciatori hanno abboccato e, sebbene abbiano utilizzato un numero di telefono appartenente ufficialmente a una persona straniera estranea ai fatti, i carabinieri sono riusciti ad attivare indagini accurate, con registrazioni telefoniche, pedinamenti, registrazioni ambientali e movimenti che hanno portato alla luce lo spaccio.

Un altro sequestro è stato fatto a Villa Inferno nel comune di Cervia, dove gli uomini del Nucleo operativo radiomobile hanno trovato 104 grammi di cocaina ai piedi di un palo della pubblica illuminazione. Il totale complessivo della cocaina sequestrata è di mezzo chilo.