Logo San Marino RTV

Cc arrestati: in corso interrogatorio Montella, considerato il vertice del sistema

25 lug 2020
@ansa
@ansa

Sono ripresi nel carcere 'Le Novate' di Piacenza gli interrogatori di garanzia dei carabinieri arrestati mercoledì nell'ambito dell'inchiesta della procura della città emiliana che ha scoperchiato una serie di reati commessi dai militari della stazione Levante. L'interrogatorio più atteso è quello dell'appuntato Giuseppe Montella, considerato dagli inquirenti e investigatori al vertice della piramide di quel sistema criminale che era stato messo in piedi nella stazione dei carabinieri. Un personaggio che, dice il gip nell'ordinanza, era convinto di poter tenere "qualunque tipo di comportamento, vivendo al di sopra della legge e di ogni regola di convivenza civile". Non è così però secondo il suo avvocato Emanuele Solari che, arrivando in carcere, non ha escluso la possibilità che Montella possa rispondere al Gip. "Probabilmente risponderà alle domande - ha detto ai cronisti - è molto provato". Dopo Montella, davanti al Gip compariranno Salvatore Cappellano, il militare che il giudice definisce "l'elemento più violento della banda di criminali", e Giacomo Falanga, il carabiniere che appare in una foto con Montella e due presunti spacciatori mentre tengono in mano mazzette di soldi. I due, assieme a Montella, erano soliti ricompensare gli spacciatori che fornivano informazioni, ha scritto tra l'altro il giudice nell'ordinanza, con della droga che era custodita in caserma, in un contenitore chiamato "scatola della terapia". "Il mio assistito - ha detto l'avvocato di Falanga Daniele Mancini - ha partecipato agli arresti ma non sapeva nulla di quello che c'era dietro".