Logo San Marino RTV

Consultazioni, governo giallo rosso in salita. Salvini apre agli ex alleati

22 ago 2019
il Quirinale
il Quirinale

L'ipotesi di un governo giallo rosso sembra sempre più in salita. Salvini tenta di incunearsi nella trattativa. Nel giorno in cui le consultazioni entrano nel vivo con i 'big', sale la tensione sia all'interno del Pd che nei M5s.

Al Quirinale il segretario Dem Nicola Zingaretti ha ribadito la posizione votata in direzione, ma le voci di tre nuovi paletti posti al M5s - via i decreti sicurezza, preaccordo sulla manovra e stop al taglio dei parlamentari – in queste ore frenetiche hanno portato fibrillazioni sia all'interno dei Dem sia nel movimento: la trattativa pare non sia naufragata ma l'ipotesi di un governo giallo rosso sembra in salita.

Tensioni che certamente sono arrivate anche al Quirinale dove il Presidente Sergio Mattarella è fermo sulla richiesta di avere presto piena chiarezza. Ove non ci fosse nessuno può escludere che già nelle prossime ore il Quirinale possa velocemente aprire le procedure per nuove elezioni. Opzione quest'ultima auspicata come unico esito possibile da Fratelli d'Italia.

"O un governo di centro destra o elezioni subito" per per Silvio Berlusconi, che ha messo in guardia da un governo frutto id una maggioranza diversa ed improvvisata.

Nelle crepe della trattativa giallo rossa tenta di incunearsi Matteo Salvini, che è tornato ad aprire ai 5 Stelle. La via maestra non possono essere giochini di palazzo e governi contro me, ha ribadito, ma solo le elezioni.

L'ultima delegazione sentita dal capo dello Stato non scioglie il rebus. Luigi di Maio ha chiuso al voto perché preoccupato dall'economia ed indicato al presidente 10 priorità. “Sono state avviate interlocuzioni su maggioranza solida” ha annunciato Di Maio, senza citare il PD.

Il Presidente Mattarella parlerà dopo le 20