Logo San Marino RTV

Coronavirus; due nuovi casi nel riminese, in totale sono 9

Secondo decesso in Emilia Romagna. I positivi in regione al coronavirus sono 145

28 feb 2020
Coronavirus; due nuovi casi nel riminese, in totale sono 9
Coronavirus; due nuovi casi nel riminese, in totale sono 9

Sono 9 i casi di positività al coronavirus nella provincia di Rimini. Gli ultimi due resi pubblici oggi. Uno dei due è un 74enne, in buone condizioni, ricoverato all'Infermi. In mattinata è stato invece dimesso il 16enne, ricoverato ieri: anche lui è in buone condizioni e resterà in isolamento volontario così come un 63enne di San Clemente. Tutti i casi finora emersi in provincia di Rimini sono collegati al 71enne cattolichino, titolare del ristorante di San Clemente.

In chiave precauzionale la Ausl ha individuato nuovi spazi all'interno del Dipartimento Accettazione Emergenze dell'Ospedale Infermi, da tenere a disposizione in caso di necessità. Il Prefetto di Rimini Alessandra Camporota ha attivato in mattinata l'Unità di Crisi, che comprende autorità sanitarie, Protezione Civile, Sindaco e Presidente della provincia di Rimini, oltre ai sindaci dei comuni più direttamente coinvolti. L'organismo opererà in stretto raccordo con l'Unità di Crisi della Prefettura di Bologna che coordinerà le Unità di Crisi istituite presso le prefetture di tutte province della regione.

Intanto con i 30 nuovi di oggi sono saliti a 145 i casi positivi in Emilia-Romagna. 6 i pazienti in terapia intensiva. Piacenza, con 89, è la provincia con più casi, a seguire Parma 27, 18 a Modena, 9 a Rimini, 1 Reggio Emilia, 1 a Ravenna. Nessun caso a Bologna, Ferrara e Forlì-Cesena. A Piacenza c'è stato il secondo decesso in Regione: un cittadino lombardo proveniente dal basso lodigiano.

Nella regione Marche 6 i casi di positività al coronavirus accertati. Sono tutti nella provincia di Pesaro Urbino - dopo il primo di Vallefoglia - e due sono in rianimazione. 94, nella regione, le persone in isolamento domiciliare, di cui 41 nella provincia di Pesaro Urbino. Il Presidente Ceriscioli oggi ha emesso una seconda ordinanza - dopo che il tar aveva annullato la precedente per l'impugnazione del governo - che prevede la chiusura delle scuole e il divieto di manifestazioni pubbliche fino a tutto il 29 febbraio.