Logo San Marino RTV

Coronavirus, per il secondo giorno consecutivo morti in calo

Protezione civile: "Settimana molto importante per l'andamento del contagio". In serata centrodestra a Palazzo Chigi, Conte parlerà alle Camere

di Francesca Biliotti
23 mar 2020
@Ansa
@Ansa

In Italia i numeri del contagio sono in lieve calo, ma la preoccupazione ora è per il sud, bisogna evitare che si duplichi l'epidemia in atto nel nord del Paese. Per il secondo giorno consecutivo cala il numero dei morti in Italia, che resta comunque altissimo, 601 più di ieri, per un totale di 6.077. Troppo presto per saltare alle conclusioni, dicono dalla Protezione civile, che però parla di settimana molto importante dal punto di vista del monitoraggio del contagio. I positivi, oggi, sono 50.418, 3.780 più di ieri, ma ben 26mila sono in isolamento domiciliare. Il 6% in terapia intensiva. I guariti 7.432 (408 in più). Anche la Protezione civile ha 12 positivi al coronavirus, negativo invece il capo Borrelli. In Italia sono vietati tutti i trasferimenti di persone con mezzi pubblici o privati in un Comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per esigenze di lavoro o salute. E a proposito di lavoro, secondo il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia “chiudere il 70% delle attività economiche vuol dire perdere 100 miliardi ogni 30 giorni”. Sono comunque 80 le attività che restano aperte con l'ultimo decreto. I sindacati per questo minacciano lo sciopero generale se si riveleranno troppe. E c'è anche dibattito politico sul fatto di far riprendere l'attività parlamentare: Conte dovrebbe parlare alle Camere in settimana, e in serata riceve tutto il centrodestra a Palazzo Chigi, riferisce Matteo Salvini che ha già avuto un colloquio telefonico sia col presidente Mattarella che con lo stesso Conte. Secondo gli ultimi dati della John Hopkins University, i morti nel mondo sono 15.300, mentre il numero dei contagiati ha superato 350mila unità. Guarite oltre 100mila persone. L'Austria per la prima volta richiama 3.000 ex soldati di leva da impiegare nell'emergenza. La Danimarca proroga il lockdown al 13 aprile. Sempre peggio la Spagna: secondo El Pais i contagiati sono oltre 33mila, 2.300 in terapia intensiva. Più di 2.100 i morti, con un incremento di 462 vittime nelle ultime 24 ore. Negli Stati Uniti Donald Trump ha approvato la richiesta di dichiarazione di calamità in California, dopo gli stati di New York e Washington. Pronto un pacchetto di misure che prevede fino a 2.000 miliardi di dollari di liquidità per imprese e famiglie.