Logo San Marino RTV

Coronavirus, via libera da Palazzo Chigi alle celebrazioni religiose nei luoghi di culto dal 18 maggio

Le Regioni pressano il governo per riaprire tutto anche dall'11 maggio, il ministro Boccia valuta aperture differenziate

di Francesca Biliotti
7 mag 2020
dalla corrispondente Francesca Biliotti
dalla corrispondente Francesca Biliotti

Protocollo firmato tra Cei e presidente del Consiglio, dal 18 maggio si potrà tornare a seguire le celebrazioni religiose nei luoghi di culto. La Conferenza episcopale aveva molto protestato quando Conte non aveva concesso tale possibilità dal 4 maggio. Il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Brusaferro, parla di una fase 2 “a tre gambe: monitoraggio a livello nazionale e regionale per intercettare i focolai – spiega – garantire strutture per malati Covid, così come tutti i servizi sanitari che sono stati sospesi o limitati”. “Siamo ancora in fase epidemica – ha concluso – e i dati mostrano che la percentuale di immuni è ancora molto bassa”. Intanto i numeri di oggi consolidano il sorpasso dei guariti su quello degli attualmente positivi: 96.276 contro 89.624. Rispetto a ieri calano i decessi, 274 nelle ultime 24 ore, ma di questi ben 243 si sono verificati nel nord Italia, e 134 nella sola Lombardia, che ha raggiunto quota 80mila contagiati, mentre sono 31 nel centro-sud. Le richieste di riaperture però si fanno pressanti, la conferenza delle Regioni vuole far ripartire il commercio al dettaglio dall'11 maggio, col ministro Boccia che ha ribadito la possibilità di differenziazioni regionali nelle riaperture, in base ai dati del monitoraggio. A Milano i titolari di bar e ristoranti hanno inscenato un flashmob in piazza, e sono stati multati dalla polizia con 400 euro a testa per non aver rispettato il divieto di assembramento. Nel mondo supera quota 260mila il bilancio ufficiale dei decessi legati al coronavirus. I casi di contagio invece oltre 3 milioni e 740mila. Negli Stati Uniti sono risalite le vittime, nelle ultime 24 ore oltre 2.000, superando quota 73mila. Un milione e 200mila i contagiati. Record di decessi giornalieri anche in Brasile, 614 in più, ed è anche boom di contagi, 10.300 in un giorno. In Germania invece un primo Land riavvia le attività turistiche dal 18 maggio, insieme a studi di fitness, e sarà possibile avere eventi con posti a sedere fino a 50 persone.