Logo San Marino RTV

Emilia romagna: la raccolta differenziata sale al 68%

22 giu 2019
@ansa
@ansa

Cresce la raccolta differenziata dei rifiuti in Emilia-Romagna che raggiunge in media il 68%, superando in diversi Comuni, con due anni di anticipo, gli obiettivi fissati dal Piano regionale di gestione dei rifiuti (Prgr). In particolare, fa sapere la Regione, 128 Comuni (il 39% dei 329 totali) hanno già raggiunto il target fissato dal piano, che prevede di arrivare al 73% di differenziata dei rifiuti solidi urbani nel 2020. Nel 30% dei Comuni la soglia è stata raggiunta o superata, toccando o andando oltre l'80%, mentre nel 4% dei Comuni si è arrivati al 90% e oltre. Dai dati 2018 emerge che la raccolta differenziata è arrivata in media in regione al 68% (era il 64,3% nel 2017). Incrementi in tutte le province: in quella di Parma la differenziata si attesta al 78,3% (+0,7% sul 2017), a Reggio Emilia al 77% (+5,7%), Ferrara al 76,2% (+8,2%), Modena al 70,7% (+2,9%), Piacenza al 68,7% (+7,6%), Rimini al 66,6% (+3,1%), Bologna al 63,8% (+4,8%), Forlì-Cesena al 56,6% (+0,2%), Ravenna al 55,9% (+1,1). La produzione totale dei rifiuti urbani nel 2018 è stata pari a tre milioni di tonnellate, mentre la differenziata ha consentito di recuperarne oltre due milioni di tonnellate. I rifiuti indifferenziati sono in calo del 6,8% rispetto al 2017. "Si tratta di un risultato importante e molto buono", sottolinea l'assessore regionale all'Ambiente, Paola Gazzolo.