Logo San Marino RTV

Il plauso di Venturi a Rimini: "I sacrifici stanno dando risultati positivi, prima di quanto ci aspettassimo"

Il commissario per l'emergenza chiede di resistere. Nelle Marche arrivano Medici senza Frontiere nelle strutture per anziani

di Francesca Biliotti
26 mar 2020

In Emilia Romagna la buona notizia arriva da Rimini, dove un uomo di 101 anni, positivo al Covid-19, è stato dimesso dall'ospedale Infermi. La famiglia lo ha riportato a casa ieri sera, ha raccontato la vice sindaca Lisi. Sempre a Rimini, ma la notizia è tutt'altro che positiva, denunciata dalla polizia una 31enne che nei giorni scorsi aveva creato un gruppo whatsapp con 200 contatti, per segnalare ed evitare i controlli delle forze dell'ordine effettuati per le restrizioni dovute all'emergenza sanitaria. La denuncia è per interruzione di pubblico servizio. In Regione sono ormai quasi 11mila i casi positivi (10.816), 762 più di ieri, poco meno della metà è in isolamento domiciliare e si cura a casa (4.680), 792 le guarigioni, 71 in più. 1.174 decessi in totale, 97 in più, di cui 9 a Rimini, 2 a Forlì e 2 a Cesena. E a proposito di Rimini, per il commissario per l'emergenza Venturi, “I provvedimenti di restrizione presi hanno un effetto molto positivo sulla malattia, gli sforzi e i sacrifici stanno dando risultati”. Sono 53 i contagiati in più, arrivando a 1.189, 513 quelli a Forlì-Cesena, (+26 e +33) e 451 a Ravenna. In testa sempre Piacenza con 2.213 e Parma con 1.611. Un team di Medici senza Frontiere è approdato nelle Marche per supportare diverse strutture di anziani, nell'area tra Fabriano, Jesi, Senigallia e Ancona: sono medici e infermieri con esperienze pregresse in missioni umanitarie nella gestione di epidemie complesse. “Grazie per il qualificato contributo offerto”, è stato il messaggio del presidente della Regione Ceriscioli. Pronto ad adire le vie legali invece il sindacato medici delle Marche, che parla di carenze di organizzazione e programmazione, dopo una serie di denunce raccolte via mail dai colleghi. Sono 1.143 i pazienti ricoverati in Regione, di cui 166 in terapia intensiva. La provincia di Pesaro Urbino segna 1.474 casi, seguita da Ancona (869), e Macerata (405). 6.155 persone in isolamento domiciliare, tra cui 619 operatori sanitari.